HomePesci e acquariPesci d'acqua dolce e acquari7 malattie comuni del pesce rosso

7 malattie comuni del pesce rosso

I pesci rossi sono suscettibili a molte malattie d’acqua dolce. Se sei proprietario di un pesce rosso, ci sono alcune malattie e condizioni a cui dovresti prestare particolare attenzione:

Scarsa qualità dell’acqua

Sebbene non sia tecnicamente una malattia, la scarsa qualità dell’acqua è la causa più comune di malattia nei pesci rossi. I pesci rossi sono creature disordinate e creano rapidamente molti rifiuti e acqua sporca. Ambienti inappropriati, come ciotole antiquate o sistemi gravemente sovraffollati, possono contribuire allo stress cronico a causa della scarsa qualità dell’acqua. Un pesce incapace di sfuggire a un sistema tossico diventerà cronicamente stressato, con diminuzione della crescita, della funzione immunitaria e della capacità riproduttiva.

Video In primo piano

È fondamentale assicurarsi che il tuo pesce rosso abbia abbastanza spazio per una vita sana. Per la cometa e altri pesci rossi dal corpo lungo, saranno necessari 20 galloni per pesce per iniziare. Probabilmente avrai bisogno di circa 50-75 galloni per pesce mentre maturano. I pesci rossi possono crescere fino a 14-16 pollici, quindi pianifica quella dimensione, non 2-3 pollici Nessun pesce merita di vivere in una ciotola sporca. Tutti i pesci richiedono vasche filtrate, ma i pesci rossi non richiedono riscaldatori.

Testa regolarmente la qualità dell’acqua e assicurati di correggere eventuali anomalie. Nutrire cibo in scaglie ad alto contenuto proteico può essere un grosso problema in molti acquari per pesci rossi. Cerca sempre di nutrire una dieta in pellet di dimensioni appropriate per i tuoi pesci. Se hai problemi a mantenere la qualità dell’acqua entro il raggio d’azione, contatta il tuo veterinario acquatico per ulteriore supporto.

parassiti

Portare a casa un pesce dal negozio di animali è il punto più a rischio nella vita di un pesce per entrare in contatto con un parassita. Nei negozi di animali, i pesci provenienti da molte fonti ed esposizioni sono mescolati in diversi sistemi e la maggior parte dei parassiti può viaggiare nell’acqua e sulle attrezzature.

Leggi di più  Come prendersi cura dei pesci rossi

I segni clinici dei parassiti nei pesci rossi includono squame mancanti, lampeggiamento, lividi, letargia e/o morte improvvisa. Le malattie più comuni del pesce rosso includono:

  • Ichthyophthirius multifiilis (Malattia delle macchie bianche)
  • Tricodina
  • Trematodi mongenei (“Flukes”)
  • Icthyobodo (“Costia”)
  • Learnea spp. (Vermi di ancoraggio)
  • Argulus spp. (pidocchi di pesce)
  • Chilodonella

La migliore prevenzione dei parassiti è un rigoroso protocollo di quarantena. Non esiste un trattamento “taglia unica” per i parassiti, quindi una diagnosi definitiva da un veterinario acquatico è fondamentale per garantire un trattamento adeguato. Solo indovinare e lanciare un mucchio di farmaci da banco ai tuoi pesci è una ricetta per la morte.

Neurofibromi

Dott.ssa Jessie Sanders

Questi “grumi” sono comuni nei pesci rossi cometa, in particolare quelli tenuti all’aperto. I neurofibromi si formano dal tessuto neurale in profondità all’interno degli strati della pelle e sono quasi impossibili da trattare.1 Possono comunemente formare un “gambo” e cadere, solo per ricrescere. Alcuni pesci possono avere uno o due grumi localizzati o disseminati in tutto il corpo del pesce.

Il trattamento non è giustificato a causa della recidiva. Molteplici modalità che utilizzano la chirurgia e la crioterapia non hanno avuto successo. Non vale la pena sottoporre il pesce a un trattamento difficile che non risolverà il problema. Poiché questi tumori benigni derivano dal tessuto neurale, non esiste attualmente alcun trattamento disponibile che possa mirare specificamente a questi tipi di tessuti.

Disturbi dell’assetto

I pesci rossi possono essere soggetti a disturbi dell’assetto sia negativi che positivi. Essendo pesci fisostomi, hanno un condotto pneumatico tra l’esofago e la vescica natatoria, che consente loro di ingoiare aria per gonfiare la vescica natatoria.2 Una ghiandola separata, chiamata ovale, è responsabile della rimozione dell’aria in eccesso.

I disturbi dell’assetto positivo si verificano più comunemente dopo l’alimentazione. I pesci rossi, i golden retriever del mondo dei pesci, che si nutrono vigorosamente in superficie, di solito aspirano troppa aria. Finirà nel tratto gastrointestinale o nella vescica natatoria. Dopo aver rimosso l’aria in eccesso, il pesce torna alla normalità. È noto che si verificano malfunzionamenti dell’ovale, con conseguente disordini di galleggiamento positivi permanenti. La chirurgia è spesso necessaria per correggere questi problemi.

Leggi di più  Malattie dei pesci d'acquario d'acqua dolce

I disturbi negativi dell’assetto sono i più comuni secondari allo stress o alla cattiva alimentazione. In poche parole, il tuo pesce non ha l’inclinazione o l’energia per nuotare. Una volta che allevi lo stress e dai ai tuoi pesci una dieta adeguata, torneranno al comportamento normale. I galleggianti esterni “a sedia a rotelle” sono estremamente pericolosi e possono ferire gravemente i tuoi pesci.

Malattia policistica renale

Dott.ssa Jessie Sanders

I pesci rossi sono inclini a una malattia che forma cisti nei loro reni, che causano malfunzionamenti e gravi danni ai tessuti. Sfortunatamente, la causa di questa malattia è sconosciuta e non esiste un trattamento. Una volta che i reni sono stati danneggiati, come in molte altre specie, non si riprendono.

I segni clinici della malattia del rene policistico sembrano per lo più come se il tuo pesce abbia ingoiato una palla da baseball, softball o persino pallavolo. I pesci possono agire normalmente nonostante un aspetto esterno anormale. L’ecografia è necessaria per la diagnosi. nontentare di spremere il pesce! Ciò può causare gravi danni agli organi e non aiuterà in alcun modo i tuoi pesci.

Occhi nuvolosi e Braccio di Ferro

Gli occhi di pesce torbidi sono comuni a causa della scarsa qualità dell’acqua, dei traumi e delle malattie secondarie. Alcuni pesci possono avere occhi che spuntano più dei loro omologhi, specialmente alcune varietà fantasiose, rendendoli più inclini ai traumi.

Popeye è una comune malattia di Internet per la quale non esiste un trattamento. Gli occhi possono dilatarsi a causa di molti problemi secondari e dovresti consultare un veterinario acquatico per arrivare rapidamente alla causa principale e sviluppare un piano di trattamento efficace prima che gli occhi vadano persi.

Leggi di più  Profilo delle specie di gamberetti Amano

Striature rosse su pelle e pinne

Striature rosse sulla pelle e sulle pinne sono sintomi comuni di stress e scarsa qualità dell’acqua. Se li vedi sui tuoi pesci, è importante controllare la qualità dell’acqua il prima possibile. Se è spento, correggerlo può risolvere questi problemi striati.

Se la qualità dell’acqua è entro i limiti e non sono state apportate modifiche importanti di recente, è fondamentale identificare il fattore di stress e rimuoverlo dal sistema.

Non Malattie

Ci sono alcune malattie là fuori su Internet che tecnicamente non sono malattie. Sono sintomi di molte comuni malattie dei pesci.

“Idropisia”

Dott.ssa Jessie Sanders

Questo descrive la condizione clinica quando il fluido si raccoglie tra le squame di un pesce e sembrano una pigna. È un segno clinico di malfunzionamento dei reni o delle branchie e non è una malattia.

“Vescica natatoria”

Sì, il tuo pesce ha la vescica natatoria. La malattia della “vescica natatoria” può essere molte cose diverse e richiede la consultazione di un veterinario acquatico. Non esiste una causa dei disturbi dell’assetto.

Fonti degli articoli Point Pet utilizza solo fonti di alta qualità, inclusi studi sottoposti a revisione paritaria, per supportare i fatti all’interno dei nostri articoli. Leggi il nostro processo editoriale per saperne di più su come controlliamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e affidabili.

  1. Sirri, Rubina, et al. “Studio ecografico e patologico di schwannoma in un pesce rosso (Carassius auratus).” Patologia clinica veterinaria 44,4 (2015): 586-591.

  2. Overfield, E. M. e J. A. Kylstra. “Il volume e la velocità di variazione del volume della vescica natatoria del pesce rosso.” Fisiologia della respirazione 13.3 (1971): 283-291.

Stefanie Binder
Amante della natura, ambientalista, veterinario.
RELATED ARTICLES