• 01 di 08

    Curiosità sui gatti siamesi

    I gatti siamesi sono, forse, meglio conosciuti per il loro aspetto elegante e distintivo. Sebbene molti gatti siamesi abbiano un colore grigio-argento con gli occhi azzurri, questi cappotti graziosi possono anche essere arancioni, marroni, color crema e anche blu o lilla, tra le altre varianti del mantello. Ma c’è molto, molto di più per i gatti siamesi rispetto al loro aspetto misteriosamente bello!

    Ad esempio, sapevi che i gatti siamesi sono una delle più antiche razze di gatti domestici nel mondo? O che la colorazione del loro mantello è determinata dalla loro genetica e la temperatura dei loro dintorni? Sì davvero!

    Se vuoi saperne di più, e vuoi dare un’occhiata a delle foto davvero belle di gatti siamesi, continua a leggere!

    Continua su 2 di 8 qui sotto.

  • 02 di 08

    La genetica non è l’unico fattore nella loro colorazione del mantello

    Come abbiamo detto, i cappotti dei gatti siamesi possono essere un’incredibile gamma di colori, e questi colori non sono determinati solo dalla genetica. Prendi il tuo camice da laboratorio e preparati per un po ‘di biologia. 

    Il colore del mantello di un gatto è determinato da diversi gruppi di geni e i modelli dei loro cappotti sono determinati dai geni modificatori. Genetica 101, giusto? Bene, i gatti siamesi hanno un gene modificatore speciale che inibisce lo sviluppo del pigmento nella pelliccia, con conseguente albinismo. Ma, grazie alla magia della scienza, il gene modificatore dell’albinismo può influenzare solo la pelliccia del gatto sopra una certa temperatura-O tra 100 e 102,5 gradi, per essere più precisi. 

    Una volta che il corpo di un gatto siamese scende al di sotto di circa 100 gradi o il gatto si trova in un ambiente più freddo, i suoi geni per il colore del mantello si accendono e portano il pigmento sulla sua pelliccia. Poiché il corpo di un gatto è più fresco attorno al naso, alle orecchie, alle zampe e alla coda, è lì che il pigmento è più comunemente depositato sui gatti siamesi. 

    La maggior parte dei gatti siamesi nascono completamente bianchi e sviluppano i loro segni nelle settimane successive alla nascita. Perché? Perché l’utero è molto caldo e impedisce al gene del colore del gatto di raggiungere la sua pelliccia. Dopo la nascita ed essere esposti all’atmosfera più fresca per alcune settimane, i gattini siamesi inizieranno a sviluppare pigmenti attorno ai loro volti, code e zampe.

    Continua su 3 di 8 qui sotto.

  • 03 di 08

    I gatti siamesi sono una razza molto vecchia

    Sebbene nessuno sia certo che i gatti siamesi siano stati allevati e addomesticati, si ritiene comunemente che abbiano avuto origine in Thailandia intorno al 14 ° secolo, quando sono apparsi per la prima volta in un manoscritto thailandese. Ciò li renderebbe una delle razze di gatti più antiche del mondo.

    Continua a 4 di 8 qui sotto.

  • 04 di 08

    Occhi incrociati e code storti usati per essere comuni tratti siamesi

    Per molto tempo, molti gatti siamesi avevano gli occhi incrociati e la coda storta e attorcigliata. Sebbene questi tratti fossero indubbiamente il risultato di determinati fattori genetici, molte leggende hanno offerto spiegazioni alternative per le interessanti apparizioni dei gatti siamesi. 

    Secondo una leggenda, un gruppo di gatti siamesi è stato incaricato di custodire un calice d’oro reale. Eseguendo i loro doveri, i gatti fissarono il calice con tale intensità che i loro occhi si incrociarono. E poiché hanno avvolto le loro code attorno al calice per maggiore sicurezza, le loro code sono state piegate in modo permanente. 

    Ci sono ancora gatti siamesi con gli occhi incrociati e la coda storta oggi, ma non è così comune. Questi tratti sono stati determinati “indesiderati” dagli appassionati di gatti e selezionati in modo selettivo. Diciamo che i gatti stanno solo eseguendo i loro compiti di guardia di sicurezza!

    Continua su 5 di 8 qui sotto.

  • 05 di 08

    I gatti siamesi sono stati trattati come Royalty

    Centinaia di anni fa, i gatti siamesi erano apprezzati dalle famiglie reali in Thailandia per le loro caratteristiche, insolite e belle apparizioni. Infatti, i membri di queste famiglie reali credevano che un gatto siamese avrebbe ricevuto la loro anima quando morirono – e il gatto passerebbe il resto della sua vita vivendo in un tempio e viziato da monaci e preti. Non è un brutto concerto, eh? 

    Continua a 6 di 8 qui sotto.

  • 06 di 08

    E hanno vissuto nella Casa Bianca

    Sebbene i gatti siamesi siano stati addomesticati in Asia per secoli, non sono apparsi negli Stati Uniti fino alla fine del 1800. Uno dei primi proprietari conosciuti di un gatto siamese era in realtà la moglie del presidente americano Rutherford B. Haye, Lucy, il che significa che anche i gatti siamesi hanno una storia alla Casa Bianca. Il suo gatto siamese, di nome Siam, era un regalo di un diplomatico statunitense che serviva in Thailandia.  

    Continua su 7 di 8 qui sotto.

  • 07 di 08

    I gatti siamesi hanno recitato in film importanti e sventati schemi di spionaggio

    Oldies, ma goodies, come The Incredible Journey, The Lady and the Tramp e That That Darn Cat! gatti siamesi stellati. In effetti, l’intera trama di  Quel dannato gatto! è centrato su un siamese di nome DC (o Darn Cat) che aiuta a fermare un rapimento. 

    E mentre DC da Quel dannato gatto! aiutato a prevenire un rapimento fittizio, due gatti siamesi della vita reale aiutarono a sventare lo spionaggio negli anni ’60. Quando due gattini siamesi vivevano nell’ambasciata olandese a Mosca, la Russia ha iniziato a graffiare un muro, il loro proprietario sospettava che stessero reagendo a un rumore che non poteva essere rilevato dall’orecchio umano. E aveva ragione: 30 piccoli microfoni sono stati scoperti dietro il muro. 

    Continua su 8 di 8 qui sotto.

  • 08 di 08

    I gatti siamesi sono molto loquaci

    Se hai un gatto siamese (o ne hai passato uno in giro), sai che sono estremamente loquaci. I gatti siamesi vocalizzeranno le loro opinioni sul cibo, le osservazioni che fanno attraverso la finestra e praticamente tutto ciò che incontrano durante il giorno (e la notte). 

Leggi di più  Amiloidosi renale nei gatti