Come addestrare il suo cane sordo

Anche se non sono in grado di sentire i comandi, i cani sordi possono essere addestrati a obbedire ai loro padroni. Naturalmente, questo processo è diverso dall’addestramento di un cane udente e comporta una serie di sfide. L’addestramento di un cane sordo richiede un po’ di pazienza in più, ma non è al di fuori delle capacità della maggior parte dei proprietari di cani.

Alcuni cani sono più inclini alla sordità di altri. I dalmati, i setter inglesi e i cani bovini australiani sembrano avere un’alta percentuale di sordità congenita (presente alla nascita).1 Alcuni cani iniziano a perdere l’udito solo quando raggiungono la terza età.

Per i cuccioli che non hanno ancora problemi di udito, consideri di integrare i gesti delle mani con i comandi vocali quando li addestra. In questo modo, se il cane perde l’udito in età avanzata, ha già familiarità con i segni dei vari comandi.

Ottenere l’attenzione di un cane sordo

Prima di chiedere a un cane di fare qualcosa, deve prima ottenere la sua attenzione. Poiché non può chiamare il suo nome come fa con un cane udente, dovrà pensare ad altri modi per attirare l’attenzione del cane.

Ci sono alcune cose che può fare per convincere un cane sordo a guardarla, come ad esempio battere il piede sul pavimento. A volte le vibrazioni che provengono dal pavimento sono sufficienti a spostare l’attenzione del cane nella sua direzione.

Utilizzare una torcia elettrica

Alcuni proprietari di cani sordi utilizzano una torcia elettrica per segnalare il loro cane. Può addestrare un cane a guardarla accendendo e spegnendo una torcia. Continui a farlo finché il cane non si gira per vedere da dove proviene la luce. Non appena il cane la guarda, lo premi con un bocconcino. Il cane imparerà presto che un lampo di luce significa che deve guardarla.

Leggi di più  Come addestrare il suo cane a smettere di chiedere l'elemosina

Utilizzare un collare vibrante

Questi collari elettronici sono diversi da quelli che danno scosse per aiutare l’addestramento (da evitare perché forniscono un rinforzo negativo al cane). Questi semplicemente vibrano in modo indolore quando si preme un pulsante su un telecomando.

Può addestrare un cane a guardarla premendo il pulsante per far vibrare il collare, e continuare a farlo finché il cane non la guarda. Non appena il cane rivolge la sua attenzione a lei, interrompa le vibrazioni e offra un premio. Uno dei vantaggi dell’uso del collare elettronico a vibrazione è che può utilizzarlo praticamente in ogni situazione.

Provi i segnali manuali

Molte persone addestrano i cani utilizzando i segnali manuali per i comandi di obbedienza di base. Esiste un segnale manuale standard che la maggior parte degli addestratori di cani utilizza per insegnare ogni comando, ma può anche creare dei segnali manuali personalizzati.

Invece di impartire un comando esclusivamente a voce, si inizia assicurandosi che l’attenzione del cane sia su di lei, e poi si dà il segnale manuale. Poi addestra il cane a eseguire il comando come farebbe con qualsiasi altro cane.

Utilizzare il linguaggio dei segni

La maggior parte delle persone comunica con i propri cani per più di un comando di base, imparando dal collegamento ripetuto tra le parole e le azioni. Può comunicare in modo simile con un cane sordo, ma invece di usare le parole parlate, può usare la lingua dei segni.

Molti proprietari di cani sordi trovano utile imparare alcune semplici parole nella Lingua dei Segni Americana e utilizzarle durante le attività quotidiane con i loro cani. Può anche creare i propri segni per diverse parole. Se lei e il suo cane conoscete il significato del segno, dovreste essere in grado di comunicare facilmente.

Leggi di più  Come addestrare il suo cane a correre accanto a una bicicletta

Premiare il buon comportamento

Sebbene molti cani trovino gratificante ricevere lodi verbali dai loro padroni, questo ovviamente non funziona con i cani sordi. Tenga a portata di mano dei piccoli bocconcini per dare al suo cane sordo un rinforzo positivo quando obbedisce correttamente a un comando. Anche le forme di lode non verbali, come le carezze o i grattini alle orecchie, possono essere utili.

Una volta che il suo cane ha una buona comprensione di ogni comando, potrà usare i dolcetti meno frequentemente. Nei primi giorni di addestramento, quando utilizza molte leccornie, si assicuri di ridurre di conseguenza i pasti del suo cane.

Tenere al guinzaglio i cani sordi

Alcune persone amano fare passeggiate senza guinzaglio con i loro cani. È discutibile se sia una buona idea in qualsiasi situazione, ma non è mai una buona idea lasciare il suo cane sordo senza guinzaglio in aree non recintate.

Anche il cane più ben addestrato può distrarsi, e non può semplicemente usare un comando “vieni” o un richiamo di emergenza per tenere lontano un cane sordo da una situazione pericolosa. Per la sicurezza del cane, lo tenga al guinzaglio.

Problemi e comportamenti di difesa

I cani sordi possono essere inizialmente spaventati da una persona che li tocca inaspettatamente per attirare la loro attenzione, soprattutto se vengono toccati mentre dormono. Se il cane si spaventa, può ringhiare o scattare per paura, allo stesso modo in cui una persona potrebbe urlare se qualcuno si avvicina furtivamente e la spaventa.

Si eserciti a toccare il suo cane molto delicatamente sulla spalla e sulla schiena. Dia dei bocconcini subito dopo il tocco. Cerchi di farlo spesso durante la giornata e presto il suo cane imparerà che se qualcuno lo tocca da dietro significa che stanno per accadere cose buone.

Leggi di più  Come addestrare il suo cane o cucciolo alla cassa

Un errore comune che molti nuovi proprietari di cani sordi commettono è quello di non parlare mentre impartiscono i comandi non verbali. Solo perché il cane non può sentirla, non significa che debba rimanere in silenzio; spesso il suo linguaggio del corpo può apparire innaturale se dà un comando in silenzio.

Per assicurarsi che i comandi visivi le vengano naturali e si traducano facilmente per il suo cane, si faccia avanti e pronunci le parole di un comando mentre esegue l’azione.

A cura di Jenna Stregowski, RVT

Fonti degli articoli Point Pet utilizza solo fonti di alta qualità, compresi studi sottoposti a revisione paritaria, per supportare i fatti contenuti nei nostri articoli. Legga il nostro processo editoriale per saperne di più su come verifichiamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e degni di fiducia.

  1. Hayward, Jessica J. et al. Uno studio di associazione genomica sulla sordità in tre razze canine. PLOS ONE, vol. 15, n. 5, 2020, pag. e0232900. doi:10.1371/journal.pone.0232900.

- Advertisement -