HomeGattiSalute e benessere del gattoCome trattare l'encefalite nei gatti

Come trattare l’encefalite nei gatti

L’encefalite nei gatti è uno dei problemi neurologici più comunemente osservati. Letteralmente significa “ infiammazione del cervello ”, questa condizione pericolosa per la vita può verificarsi da sola o può verificarsi in combinazione con altre malattie neurologiche come la mielite (infiammazione del midollo spinale) e la meningite (infiammazione delle meningi, che sono le membrane che coprono il cervello e il midollo spinale del tuo gatto).

Quali sono i sintomi dell’encefalite nei gatti?

L’encefalite può portare a tutta una serie di sintomi. La maggior parte di loro è considerata classica per un processo di malattia neurologica. Se vedi uno dei sintomi elencati di seguito, cerca immediatamente assistenza medica veterinaria.

Segni

  • febbre
  • crisi
  • cambiamenti comportamentali
  • un’inclinazione della testa
  • paralisi facciale
  • andatura scoordinata
  • individuare gli alunni
  • pupille di diverse dimensioni (chiamate ‘aniscoria’)
  • un cambiamento nell’attività mentale o nell’attività mentale

Che cosa causa l’encefalite nei gatti?

L’encefalite, purtroppo, può avere una moltitudine di cause. Alcuni dei più comuni sono descritti di seguito.

Infezione virale

Un’infezione virale, come la sindrome da immunodeficienza felina (FIV), la peritonite infettiva felina (FIP) o anche la rabbia può causare encefalite. La maggior parte dei dipartimenti di sanità pubblica richiede che tutti i gatti, indipendentemente dallo stato indoor / outdoor, siano vaccinati per la rabbia. Esiste un vaccino per la FIV, ma la maggior parte dei veterinari non vaccina i gatti per questo. Ciò è in parte dovuto al fatto che il rischio di contrarlo è basso poiché la modalità principale di trasmissione è attraverso le ferite da morso. In parte è anche perché un gatto vaccinato per la FIV risulterà successivamente positivo nonostante non abbia effettivamente la malattia.

Leggi di più  Uveite nei gatti
Leggi di più  Costipazione nei gatti

La FIP è causata da un coronavirus specifico per i felini. Simile alla FIV, esiste un vaccino che è stato sviluppato per la FIP ma, proprio come la FIV, non viene normalmente utilizzato. Questo perché gli studi hanno dimostrato che l’efficacia di questo vaccino è variabile, se non efficace. Pertanto, l’American Association of Feline Practitioners attualmente non lo consiglia come vaccino principale per i gatti.

Infezioni batteriche

Le infezioni batteriche, siano esse aerobiche (che richiedono ossigeno) o anaerobiche (che possono prosperare senza ossigeno), possono causare encefalite nel tuo gatto.

Infezioni fungine

Anche le infezioni fungine, come quelle causate da Cryptococcus neoformans e Blastomyces dermatididis , possono causare encefalite.

Infezioni parassitarie

Cose come la toxoplasmosi, causata dal parassita protozoico Toxoplasma gondii , possono portare a encefalite.

Altre cause

Tuttavia, il tuo gatto non ha bisogno di contrarre nulla di contagioso per sviluppare l’encefalite. Altre cause includono disturbi immuno-mediati e encefalite idiopatica (ovvero una causa non viene mai individuata).

Come viene diagnosticata l’encefalite nei gatti?

Dovresti sempre portare il tuo gatto dal veterinario se mostra segni neurologici. Verrà condotto un esame fisico completo, incluso un esame neurologico completo.

Una volta che hai finito di esaminare il tuo gatto, il tuo veterinario vorrà probabilmente eseguire un esame del sangue e un’analisi delle urine. A seconda di cosa sta causando la sospetta encefalite del tuo gatto, il loro esame del sangue mostrerà valori diversi.

Un’infezione batterica causerà un aumento dei globuli bianchi mentre un’infezione virale può causare una diminuzione di un tipo specifico di globuli bianchi chiamati linfociti.

L’imaging può anche essere eseguito per dare al veterinario uno sguardo approfondito al cervello e al midollo spinale del tuo gatto. I raggi X possono mostrare un coinvolgimento polmonare, ma per valutare meglio il sistema neurale del tuo gatto il veterinario dovrà vedere immagini avanzate come una risonanza magnetica o una TAC. Questi possono dare al tuo veterinario uno sguardo più dettagliato sull’entità dell’encefalite del tuo gatto e su quale parte (o parti) del cervello è coinvolta.

Leggi di più  Insufficienza renale nei gatti
Leggi di più  Insufficienza renale nei gatti

Infine, il tuo veterinario potrebbe voler raccogliere un campione del liquido cerebrospinale del tuo gatto poiché coltivarlo può identificare qualsiasi agente infettivo che causa i sintomi del tuo gatto.

Come viene trattata l’encefalite nei gatti?

La preoccupazione immediata del tuo veterinario sarà quella di diminuire il gonfiore nel cervello del tuo gatto e di fermare le crisi di cui il tuo gatto potrebbe soffrire. Prescriveranno farmaci per aiutare specificamente con questi.

Se viene identificato un agente eziologico, il veterinario prescriverà farmaci per trattare anche quello. Questo può includere antibiotici o antimicotici. Sono disponibili farmaci antivirali per gatti, ma non sono privi di una propria serie di rischi. Il tuo veterinario sarà in grado di discernere se sarebbe un’opzione di trattamento appropriata per il tuo gatto o meno.

Se i sintomi del tuo gatto sono gravi, potrebbe richiedere il ricovero in ospedale per cure 24 ore su 24. Questo può includere antibiotici per via endovenosa e cure di supporto come i liquidi per via endovenosa.

Una volta iniziato il trattamento, potresti iniziare a vedere un miglioramento dei sintomi del tuo gatto nel corso di settimane o mesi. La prognosi e la velocità del recupero dipenderanno da cosa sta causando l’encefalite del tuo gatto e dalla gravità del suo caso. Il tuo veterinario vorrà anche vedere il tuo gatto per controlli di routine per monitorare da vicino il loro recupero.

Stefanie Binder
Amante della natura, ambientalista, veterinario.
RELATED ARTICLES