L’ippica negli Stati Uniti è un’industria da quasi 4 miliardi di dollari. In tutto il paese, le persone si radunano per le tracce, alcune incredibilmente eleganti, come Churchill Downs dove si svolge il Kentucky Derby, e altri meno, per vedere i cavalli correre e scommettere sui risultati. I cavalli stessi, per lo più “purosangue” purosangue, sembrano vivere vite piuttosto confortevoli, specialmente quando stanno vincendo. Ma che dire dei cavalli che non tirano un sacco di premi in denaro per i loro proprietari, o quelli che devono ritirarsi dallo sport a causa di lesioni o età?

La domanda su cosa succede ai cavalli da corsa dopo il loro ritiro non sempre attira l’attenzione di quello che indossavano gli spettatori o quello che la vincita per il primo posto era in una gara importante. Ma molti purosangue si ritirano con metà della loro vita o più davanti a loro, e una volta che non stanno più trasformando un profitto in pista, il loro futuro può diventare torbido.

Dove finisce un cavallo da corsa in pensione dipende sia dal loro successo in pista che dai capricci dei loro proprietari. La maggior parte delle volte, i proprietari non si accontentano semplicemente di prendersi cura di un cavallo nella sua vecchiaia se non sta più girando profitto, optando invece per vari altri percorsi che mitigano i loro costi. Ecco quali sono alcuni di quei percorsi.

Allevamenti

Gli allevamenti, noti anche come “allevamenti di cavalli”, sono i luoghi in cui si trovano molti degli ex-corridori più celebri dello sport. Gli allevatori pagano un premio elevato per i purosangue di alto livello. Ad esempio, I’ll Have Another, un cavallo che ha vinto sia il Kentucky Derby che Preakness nei suoi giorni di gare, ha fruttato $ 2,7 milioni per il suo proprietario in pista e $ 10 milioni da un allevatore giapponese che voleva usarlo come stallone.

Leggi di più  Tonkinese: profilo di razza di gatto

Le aziende di allevamento sono principalmente per cavalli maschi, ma occasionalmente anche le fattrici in pensione finiscono lì. L’obiettivo, ovviamente, è quello di trasformare il profitto in più profitto, capitalizzando su geni vincenti e generando il maggior numero possibile di futuri vincitori. E poiché molti cavalli negli allevamenti continuano a generare denaro per molti anni, è un corso di pensionamento preferito dai proprietari per quei cavalli i cui registri li rendono attraenti come sire.

Altre competizioni

Alcuni cavalli che sono stati ritirati dalle competizioni continuano a gareggiare o sono trasferiti in altri sport, come il dressage o il salto ostacoli. Generalmente, questi non sono purosangue d’élite, ma fattrici e castroni che hanno corso su un circuito di livello inferiore e i cui proprietari non potevano venderli per maggiori profitti o permettersi di prendersi più cura di loro.

New Vocations, il più grande programma di adozione di cavalli da corsa nel paese, spesso aiuta a facilitare questi trasferimenti. L’organizzazione aiuta i cavalli da corsa indesiderati, in pensione, a ritrovare la loro felicità per sempre dopo la riconversione e l’adozione di cavalli per le persone che intendono tenerli per il resto dei loro giorni. Dal 1992, New Vocations ha contribuito a collocare più di 6.000 cavalli da corsa in pensione in case qualificate.

macelli

Ogni anno, migliaia di cavalli da corsa in pensione vengono macellati per il consumo umano. I macelli a cavallo e il consumo di carne di cavallo non sono più legali negli Stati Uniti, ma l’ASPCA rileva che tra il 2012 e il 2016 137.000 cavalli americani sono stati spediti ogni anno in Messico o in Canada per il macello. Nel 2017, il numero è sceso a circa 80.000.

Leggi di più  Buhund norvegese

Non tutti i cavalli spediti oltre confine per il massacro sono cavalli da corsa in pensione, anche se la pratica è abbastanza comune. Se un cavallo non può ottenere un prezzo elevato da un allevatore e un proprietario vuole un modo rapido per scaricarli per un po ‘di denaro, i macelli offrono l’opportunità, spesso sotto l’aspetto di “eutanasia”.

L’ASPCA, insieme ad altre organizzazioni umanitarie, ha prestato il proprio sostegno alla legge Safeguard American Food Exports (SAFE) (961), che, tra le altre cose, proibirebbe l’esportazione di cavalli americani oltre il confine per il macello. Puoi aggiungere la tua voce ai loro sforzi qui.

Salvataggio e ritiro sicuro

Non tutti i risultati per cavalli da corsa pensionati e indesiderati sono così terribili. Ci sono molte organizzazioni in tutto il paese che si sono dedicate al salvataggio e all’adozione di cavalli da corsa. A volte, come con New Vocations, ciò significa riqualificazione per altri eventi e l’adozione a proprietari esperti. Altre volte, significa pensionamento in una fattoria del santuario. Altre volte, sfortunatamente, significa eutanasia umana, poiché nonostante le risorse disponibili non ci sono ancora abbastanza soldi, volontari o adottanti per prendersi cura di tutti i cavalli da corsa il cui tempo in pista è finito.

Come puoi aiutare

Tutti i cavalli da corsa meritano la possibilità di una felice pensione. Se desideri sostenere il lavoro di coloro che si prendono cura degli ex cavalli da corsa, valuta di fare una donazione a una delle seguenti organizzazioni:

· Nuove vocazioni

· Canter USA

· Secondo passo

· Fondazione per pensionati purosangue

· Progetto Racehorse ritirato