Se al tuo cane è stato diagnosticato un diabete mellito canino, probabilmente stai sperando che esista una cura per questa malattia. Sfortunatamente, non è così. Il diabete canino non può, nella maggior parte dei casi, essere curato. Il diabete è una malattia trattabile per la maggior parte dei cani, ma il trattamento per i cani con diabete è generalmente lungo la vita. Se il trattamento viene interrotto, i sintomi della malattia ritornano rapidamente.

Perché il diabete non è curabile nei cani?

Il diabete mellito nei cani è quasi sempre dipendente dall’insulina. Ciò significa che in un cane con diabete le cellule del pancreas che normalmente secernono insulina non sono più in grado di farlo. L’insulina è necessaria per regolare il livello di glucosio nel sangue (glicemia) in un cane. Senza insulina, il livello di glucosio nel sangue sale a livelli pericolosamente alti e la vita del cane è a rischio.

Il diabete è sempre fatale nei cani?

Il diabete canino è generalmente fatale se non viene trattato. Tuttavia, con il trattamento, la maggior parte dei cani diabetici fa molto bene. Il trattamento di solito consiste in iniezioni di insulina e iniezioni di insulina che in genere devono essere somministrate due volte al giorno. L’attenzione deve essere rivolta anche alla dieta e all’esercizio fisico.

Ci sono eccezioni – Alcuni cani possono recuperare dal diabete?

Nella maggior parte dei casi, no. I cani di solito non guariscono dal diabete. Tuttavia, ci sono casi in cui la malattia può essere temporanea. Un buon esempio di questo è il diabete gestazionale in cui i livelli ormonali influenzano la capacità dell’insulina di regolare il livello di glucosio nel sangue. Una volta che la gravidanza è finita, il cane può riprendersi.

Leggi di più  Gli 8 migliori alimenti per gatti per la salute del tratto urinario nel 2019

Ci sono altre malattie e persino alcuni farmaci che possono causare un effetto simile. Quando la malattia viene curata con successo o il farmaco viene ritirato, il cane può tornare alla normalità.

Questi casi sono l’eccezione piuttosto che la regola. In futuro, è possibile che la nuova tecnologia possa portare nuove speranze per una cura.