Il virus dell’immunodeficienza felina (FIV) è una malattia contagiosa che può potenzialmente diffondersi da un gatto all’altro. A volte viene anche chiamato AIDS felino. Fortunatamente, ci sono misure preventive che possono essere adottate per evitare che il tuo gatto venga infettato da FIV.

Poiché uno degli effetti principali del virus dell’immunodeficienza felina è l’immunosoppressione, i gatti infetti sono suscettibili a numerose infezioni secondarie. Di conseguenza, i segni visti con FIV varieranno da gatto a gatto. Il trattamento deve essere orientato verso il singolo gatto e le condizioni fisiche del gatto.

Prevenire l’infezione da FIV nei gatti

Puoi aiutare a prevenire l’infezione da FIV evitando le cose che mettono il tuo gatto a rischio di infezione.

  • Fai sterilizzare o sterilizzare il tuo gatto.
  • Tieni il gatto in casa
  • Prova tutti i nuovi gatti per la FIV prima di portarli nella tua famiglia e permettere loro di interagire con i gatti già presenti.

Esiste un vaccino per il virus dell’immunodeficienza felina nei gatti?

Esiste una vaccinazione per il virus dell’immunodeficienza felina. Tuttavia, il vaccino è alquanto controverso e non tutti i veterinari consigliano di usarlo.

Il problema con il vaccino per la FIV è che i gatti che hanno ricevuto il vaccino saranno positivi alla FIV. Questo può complicare la diagnosi del tuo gatto se si ammala.

Il vaccino per la FIV potrebbe valere la pena di considerarlo se un gatto FIV positivo vive con altri gatti che non sono positivi. Se i gatti combattono, il rischio di diffusione dell’infezione è più alto. In tal caso, il vaccino potrebbe essere più vantaggioso. Se il tuo gatto esce e combatte con altri gatti, potresti prendere in considerazione la vaccinazione.

Leggi di più  Cockatiels

ID e microchip extra importanti per gatti vaccinati con FIV

I gatti che sono stati vaccinati per il virus dell’immunodeficienza felina devono indossare un collare con un’etichetta o qualche altra forma di identificazione. Un gatto vaccinato dovrebbe anche essere microchipato in modo che possa ancora essere identificato se il colletto e il cartellino si perdono.

Questo è importante perché alcuni rifugi e salvataggi eutanizzano gatti che risultano positivi alla FIV. Tag e microchip ti aiuteranno a identificare il tuo gatto e assicurarti che ti venga restituito se si allontana da casa.

Come viene trattata la FIV?

Una volta che il tuo gatto è stato infettato dal virus dell’immunodeficienza felina, non esiste una cura per l’infezione. I gatti che sono malati di FIV sono trattati sintomaticamente. Ad esempio, se è presente un’infezione batterica secondaria, possono essere necessari antibiotici. Il trattamento necessario varierà a seconda dei segni che si vedono.

I farmaci che rafforzano il sistema immunitario sono spesso usati e non sono dannosi. Anche le droghe antivirali (farmaci che combattono i virus) sono talvolta utilizzate e non sembrano essere dannose. Tuttavia, non è noto se qualcuno di questi farmaci aiuti effettivamente i gatti infetti.

I farmaci più comunemente usati includono:

  • acemannan
  • levamisolo
  • ImmunoRegulin®
  • interferone alfa

È importante ricordare che un test positivo per la FIV in un gatto non equivale a una condanna a morte. I gatti con test positivi per il virus dell’immunodeficienza felina, sani e privi di segni di malattia, possono vivere una vita perfettamente normale.

Ulteriori informazioni sul virus dell’immunodeficienza felina 

  • Riconoscendo la FIV nei gatti
  • Test per FIV e cura dei gatti con un test FIV positivo
  • Segni e trattamento dei virus dell’immunodeficienza felina (FIV)
Leggi di più  Bronchite nei cani

Nota: questo articolo è stato fornito solo a scopo informativo. Se il tuo animale domestico mostra segni di malattia, consulta un veterinario il più rapidamente possibile.