UncategorizedInsetti come animali domestici

Insetti come animali domestici

Gli insetti stecco, insieme agli insetti foglia, appartengono all’ordine Phasmida, e sono collettivamente indicati come “Phasmids”. Questa è una grande famiglia; ci sono oltre 2500 specie di insetti a foglia e bastone. Questi insetti si basano principalmente sul camuffamento come difesa, quindi assomiglia molto a ramoscelli o foglie, a seconda della specie. Solo alcune specie di insetti insetto sono alate. La maggior parte proviene da climi tropicali.

Questi insetti sono tra gli insetti più popolari tenuti come animali domestici in gran parte per il loro aspetto unico e la relativa facilità di cura per loro. La cura delle varie specie dipende dal loro ambiente naturale (cioè umidità, temperatura e fonti di cibo). La chiave per tenere gli insetti stopposi in cattività è cercare di imitare le condizioni che avrebbero naturalmente sperimentato e dar loro da mangiare fogliame il più vicino possibile a ciò che mangiano in modo naturale. Gli insetti stoppini possono essere maneggiati e possono essere abbastanza docili, ma sono fragili e devono essere maneggiati con la massima cura.

Insetti stecco come parassiti agricoli

Gli insetti stopposi non nativi non dovrebbero mai essere rilasciati allo stato selvatico a causa del rischio che possano riprodursi e causare danni a un ecosistema in cui non si trovano normalmente; le specie non native sono considerate parassiti di piante. Ciò include l’accertamento che le uova vengano eliminate mediante frantumazione, bollitura o combustione, poiché non è necessaria alcuna cura particolare per le uova di molte specie da schiudere. Se ti trovi negli Stati Uniti o in Canada, le specie tropicali come i bastoncini da passeggio indiani sono considerate piante infestanti e per importarle è necessario un permesso (Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti o Agenzia canadese per l’ispezione degli alimenti). In altre aree, consultare l’ente governativo competente in merito alla legalità (ad esempio, un dipartimento dell’agricoltura o un’agenzia analoga).

Leggi di più  Singhiozzo nei cani

Insetti stecco indiani (Carausius morosus) sono stati tenuti in cattività per anni, specialmente nel Regno Unito. Hanno un aspetto unico e sono relativamente facili da curare. Raggiungono una lunghezza di fino a 4 pollici (10 cm) e la loro durata prevista è di circa un anno.

Una casa adatta

Di norma, gli insetti stoppini hanno bisogno di un recinto che sia tre volte più alto della lunghezza dell’insetto. Per gli insetti stecco indiani, questo significa un minimo di 12 pollici di altezza, anche se un po ‘più alto sarebbe meglio. Acquari di vetro (da 10 a 15 galloni), vasi di vetro alti, contenitori di plastica per animali domestici e altri contenitori simili funzionano bene per l’alloggiamento, ma il coperchio deve essere ben ventilato e sicuro per evitare fughe. La rete fine può essere fissata sopra l’apertura a tali contenitori.

Ambiente

Gli insetti bastone indiani devono essere tenuti abbastanza caldi, tra i 70 e i 75 F (da 21 a 24 ° C). Si può lasciare che la temperatura diminuisca un po ‘durante la notte fino a metà degli anni ’60. Il modo migliore per raggiungere la temperatura corretta è di tenerli in una stanza calda, anche se il calore supplementare può essere fornito attraverso i poggiatesta destinati ai recinti dei rettili o posizionando una lampada vicino alla gabbia. L’uso di lampade per il calore può essere molto secco e le lampadine bianche non dovrebbero essere utilizzate di notte (si possono usare lampadine colorate rosse o blu).

Se si utilizzano piante in vaso nel vivaio, considerare l’utilizzo di un apparecchio fluorescente sopra il vivaio per una crescita ottimale delle piante.

Leggi di più  Dovresti prendere un termoforo per cani?

Gli insetti stoppini hanno bisogno di un livello moderato di umidità, ma il vivaio dovrebbe essere ben ventilato per prevenire la crescita della muffa. La nebbia delle foglie della pianta fornirà acqua per gli insetti da bere e aiuterà a mantenere i livelli di umidità.

Il pavimento del serbatoio può essere coperto con carta per una facile pulizia. Un materiale alternativo che aiuta a conservare l’umidità è la torba o la vermiculite. Questo richiede un po ‘più sforzo per mantenere pulito, e non dovrebbe essere tenuto troppo umido poiché la crescita della muffa potrebbe essere un problema. Gli insetti stopposi producono un rifiuto abbastanza asciutto che è facile da pulire.

Alimentazione

Il rovo (mora) è generalmente considerato una dieta appropriata per molti insetti stopposi. Altre opzioni includono lampone, ligustro, biancospino, quercia, rosa ed edera. I rami tagliati freschi di queste piante possono essere messi in acqua nella gabbia e cambiati una volta asciugati (o consumati). Il contenitore dell’acqua deve essere chiuso o sigillato in modo che gli insetti non cadano nell’acqua e anneghino (scegliere un barattolo a collo stretto e posizionare del materiale attorno agli steli della pianta per sigillare l’apertura). Un’alternativa all’alimentazione dei rami tagliati è quella di coltivare piccole piante in vaso della specie desiderata e metterle nella gabbia.

La cosa più importante da considerare è che ogni cibo deve essere privo di insetticidi ed erbicidi, o può essere letale per i vostri animali domestici. Bisogna fare attenzione quando si raccolgono i cibi per assicurarsi che non siano stati esposti a questi materiali. Cerca di evitare di raccogliere cibo vicino a strade trafficate. Anche se si usano piante in vaso, assicurarsi che il terreno utilizzato sia privo di pesticidi, poiché alcuni terreni sono infusi con pesticidi che possono penetrare in piante coltivate nel terreno.

Leggi di più  6 posti in cui i cani amano essere coccolati

Maneggiare insetti stecco

Maneggiare con cura! Gli insetti stoppino tendono ad essere piuttosto docili, quindi siediti sulla tua mano, ma bisogna fare attenzione quando li raccolgono o li maneggiano. Con molta attenzione, afferrali dal corpo (non dalle gambe!) Tra il pollice e l’indice e posizionali sul palmo aperto, o semplicemente offri il palmo aperto e spingili delicatamente sulla mano.

Riproduzione

Gli insetti stick indiani possono riprodursi in assenza di un maschio (riproduzione partenogenetica). Una femmina deporrà centinaia di piccole (0,08 pollici o 2 mm) uova nella sua vita. Questi sono lisci e rotondi e possono essere raccolti dal fondo della gabbia se lo si desidera. Metterli in una vasca di sabbia o vermiculite e lasciare in un luogo caldo. Possono essere necessari fino a un anno per schiudersi, e devono essere conservati in piccoli contenitori di allevamento separati fino a quando non raggiungono l’età adulta quando possono essere ospitati in piccoli gruppi (ambiente simile agli adulti, fornire spesso una scorta di foglie).

I bambini (“ninfe”) muta più volte prima di raggiungere l’età adulta, e durante questo processo, rimarranno sospesi da un ramo o dal coperchio del contenitore. La muta è un periodo di sviluppo estremamente vulnerabile e gli insetti dovrebbero essere lasciati in pace e non manipolati fino a quando il nuovo esoscheletro non sarà indurito dopo una muta.

- Advertisement -