Il Safe Drinking Water Act (SDWA) è stato promulgato nel 1974 per garantire acqua potabile sicura. Come risultato di questa legge, l’Agenzia per la protezione dell’ambiente ha fissato standard di qualità dell’acqua potabile per tutti i sistemi idrici pubblici in tutto il paese. Queste norme richiedono che tutte le forniture idriche comunali siano trattate per limitare la crescita batterica e altri contaminanti pericolosi.

Le aziende di trattamento delle acque possono scegliere diversi metodi disinfettanti e per molto tempo il cloro è stato il disinfettante di prima scelta; tuttavia, molti impianti municipali di trattamento delle acque sono passati alle clorammine. Per la maggior parte delle persone, non fa alcuna differenza, ma per il proprietario dell’acquario, la scelta è molto significativa.

Cloro

La concentrazione di cloro necessaria per trattare con successo le fonti d’acqua pubbliche è abbastanza alta da essere letale per i vostri pesci. Fortunatamente, è facilmente neutralizzato da uno dei due metodi. La prima opzione è trattare chimicamente l’acqua con tiosolfato di sodio. Praticamente ogni prodotto per il trattamento dell’acqua disponibile presso il tuo negozio di animali locale contiene questo prodotto chimico. In altre parole, se la tua acqua contiene solo cloro, tutto ciò che devi acquistare è un prodotto per il trattamento delle acque poco costoso per rendere l’acqua sicura per i tuoi pesci.

Il secondo metodo di rimozione del cloro si basa sul fatto che il cloro si disperde abbastanza rapidamente nell’atmosfera. Esporre l’acqua all’aria aperta per 24 ore, e diventerà senza cloro. Puoi farlo lasciandolo in secchi aperti o riempiendo il serbatoio e lasciando che il filtro funzioni almeno un giorno prima di aggiungere il pesce. Molti vecchi nel hobby ricordano di trattare l’acqua dell’acquario in questo modo. Funzionava abbastanza bene perché al momento le clorammine non erano utilizzate nel trattamento delle acque pubbliche.

Leggi di più  Petcube Bites Recensione della fotocamera per animali domestici

Sembra abbastanza semplice? Non così in fretta. Poiché molte piante acquatiche municipali sono passate alle clorammine, il trattamento dell’acqua del rubinetto per l’uso dell’acquario è diventato un po ‘più complicato.

chloramine

Le clorammine sono una combinazione di ammoniaca e cloro. A differenza del cloro puro che si dissipa abbastanza velocemente quando esposto all’aria, le clorammine rimangono nell’acqua. Questo è un bene per l’azienda incaricata di mantenere l’acqua potabile pubblica da contaminanti come i batteri. Non è così buono per quelli di noi che tengono i pesci e vogliono usare la nostra acqua del rubinetto per riempire l’acquario.

Innanzitutto, significa che il vecchio trucco di invecchiare l’acqua in secchi aperti o in un serbatoio con un filtro in funzione, non funzionerà più. Puoi invecchiare l’acqua per giorni e le clorammine saranno ancora lì. In secondo luogo, significa che devi assicurarti di trattare l’acqua per le clorammine piuttosto che per il solo cloro. Non tutti i prodotti per il trattamento dell’acqua dell’acquario neutralizzano le clorammine. Anche quelli che sostengono di averlo fatto, non sono sempre pienamente efficaci nell’ottenere il lavoro, quindi scegli attentamente i tuoi prodotti per il trattamento dell’acqua.

Spesso questi prodotti rimuovono la porzione di cloro e bloccano la parte di ammoniaca, allo stesso modo di Ammo-Lock.

Ciò renderà l’acqua sicura per i tuoi pesci, ma tieni presente che i test di ammoniaca potrebbero non essere accurati. Se si desidera monitorare accuratamente i livelli di ammoniaca, è necessario un kit di test che possa misurare separatamente l’NH3 (ammoniaca libera) e l’NH4 + (ammoniaca ionizzata).

Hai cloro o cloramina nell’acqua?

Il modo più diretto per determinare cosa c’è nell’acqua del rubinetto è chiamare la tua compagnia idrica e chiedere che cosa usano per trattare l’approvvigionamento idrico municipale. Per legge, devono rendere disponibile la composizione della tua acqua. Puoi sempre testare la tua acqua di rubinetto da solo. È saggio testare la tua acqua comunque, quindi è una buona strada da percorrere. Sono disponibili kit di test che cercano il cloro e le clorammine. Oppure, semplicemente testare l’acqua del rubinetto per l’ammoniaca. Se risulta positivo all’ammoniaca, le clorammine sono quasi certamente presenti. Quindi puoi scegliere il prodotto giusto per trattare l’acqua del rubinetto.

Leggi di più  Borzoi: profilo della razza del cane

Un’altra opzione è quella di bypassare tutti i test e semplicemente trattare l’acqua con un prodotto che neutralizza sia il cloro che l’ammoniaca in modo da coprire tutte le basi. Indipendentemente da ciò che fai, è consigliabile essere consapevoli di ciò che è nella tua fonte d’acqua per garantire che sia sicuro per il tuo acquario e pesci di stagno.