Un furetto è una piccola creatura pelosa con un naso a forma di cono, una lunga coda e un corpo lungo a forma di pera con zampe corte e lunghi artigli. I furetti sono legati a ghiottoni, ermellini, visoni e donnole nel Mustela genere. Sono animali domestici popolari, anche se spesso controversi.

Gli esperti pensano che siano stati allevati più di 2500 anni fa da una puzzola europea (Mustela putorius) o da una puzzola di steppa (Mustela eversmanii). Queste puzzole non dovrebbero essere confuse con le puzzole, che a volte sono chiamate colloquiali polecati.

Furetti in Nuova Zelanda

Furetti furono introdotti in Nuova Zelanda dall’Europa negli anni 1880, insieme a ermellini e donnole, per controllare i conigli che si stavano riproducendo senza controllo. Nel 1900, i furetti erano ben radicati in natura e giocarono un ruolo nel declino degli uccelli nativi come il kiwi, il weka e l’anatra blu e l’estinzione del kakapo sulla terraferma. Il kakapo ora si trova solo su isole prive di mustelidi.

I furetti sono vietati in Nuova Zelanda

I regolamenti della Nuova Zelanda sui furetti e i proprietari di furetti sono finalizzati a far estinguere i furetti degli animali domestici e tutti i furetti in Nuova Zelanda.

In passato era richiesta una licenza per allevare o vendere furetti o per tenere più di 3 furetti come animali domestici (c’erano anche alcune restrizioni localizzate sulla proprietà dei furetti). Secondo i nuovi regolamenti, i proprietari saranno in grado di mantenere i loro attuali furetti. Tuttavia, sarà illegale per i furetti essere “comprati, venduti o allevati”. Le fattorie esistenti che vendono i furetti all’estero saranno esentate e autorizzate a continuare le vendite all’estero (nessun furetto sarà venduto in Nuova Zelanda) e non saranno ammesse nuove fattorie. Con l’allevamento e la vendita di furetti fermati, teoricamente, si registrerà un calo della popolazione di furetti di animali domestici a zero nei prossimi anni.

Leggi di più  Rat Terrier: Profilo di razza di cane

La ragione del divieto è la natura unica della popolazione selvatica nativa della Nuova Zelanda: molti uccelli in fuga sono sull’orlo dell’estinzione e popolazioni selvagge di furetti stanno contribuendo al declino. Secondo il documento di discussione del Department of Conservation, i furetti (insieme a stoats e donnole) sono stati introdotti in libertà in Nuova Zelanda più di cento anni fa per controllare i conigli. Gli animali selvatici nativi, in particolare gli uccelli incapaci di volare come il kakapo e il kiwi, non potevano far fronte a questi nuovi e agili predatori. Inoltre, l’allevamento di furetti (per la loro pelliccia) divenne popolare alla fine del secolo scorso, e i fuggiaschi delle fattorie contribuirono alla popolazione selvatica, espandendo la loro gamma. Il governo ha quindi vietato i furetti di animali domestici come parte del suo sforzo per sradicarli.

“Non ha molto senso spendere somme considerevoli di denaro dei contribuenti per proteggere le specie autoctone se non prendiamo provvedimenti per rimuovere minacce evitabili a queste specie come la minaccia di furetti di animali domestici sfuggiti” – “Animali furetti da bandire” – Comunicato stampa del Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda

Non c’è dubbio che la fauna unica della Nuova Zelanda abbia bisogno di seri provvedimenti di conservazione, poiché la perdita di qualsiasi specie è devastante.