HomePesci e acquariPesci d'acqua dolce e acquariKoi: profilo delle specie ittiche

Koi: profilo delle specie ittiche

Le koi sono una specie di pesci da cortile comuni in tutto il mondo. Queste carpe colorate e “broccate” sono disponibili in una vasta gamma di varietà e si aggiungono a splendidi paesaggi. Possono diventare molto grandi, quindi pianificare per tutta la loro vita è la chiave per farli prosperare per molti decenni.

Panoramica delle specie

Nomi comuni: Koi, carpe koi

Nome scientifico: Cyprinus carpio koi

Taglia adulto: da 2 a 3 piedi

Aspettativa di vita: da 30 a 40 anni

Caratteristiche

Famiglia Ciprinidi
Origine Asia
Sociale Tranquillo, calmo
Livello dello stagno Tutti i livelli
Dimensione minima del laghetto 250 galloni
Dieta onnivoro
Allevamento Egglayer
Cura Principiante
pH da 6.5 a 9.0
Durezza > 100 mg/l
Temperatura da 33 a 85 gradi (da 1 a 29 gradi)

Origine e distribuzione

Le koi hanno una storia molto lunga e distintiva come pesci da compagnia. Koi ha avuto origine dalla carpa comune, Cyprinus carpio, che veniva allevata in tutta l’Asia come fonte di cibo. Le carpe possono crescere molto grandi, molto rapidamente e sono pesci molto resistenti, il che le rende fonti di cibo ideali. Tuttavia, nel corso di innumerevoli generazioni, si sono verificate mutazioni naturali del colore. Questi pesci sono stati separati dalla popolazione principale e allevati insieme. Da questi incroci incrociati nel corso dei secoli sono emerse le koi che conosciamo oggi.

Questi pesci ornamentali sono stati portati in Germania e hanno generato un’altra mutazione naturale di koi senza squame. Conosciute come “doitsu” o “tedesco” in giapponese, queste koi sono molto comuni. Possono avere alcune squame, chiamate “cerniera”, lungo entrambi i lati della pinna dorsale, posizionate a casaccio sul corpo o solo alcune squame giganti sovrapposte.

Alcune koi, note come farfalle o koi a pinne lunghe, hanno pinne allungate su tutto il corpo. Queste pinne sono soggette a lacrime e cicatrici, quindi assicurati che il loro ambiente abbia ostacoli limitati per preservare le loro pinne fluenti.

Koi si trovano oggi in tutto il mondo. Ci sono mercati di alto livello in Giappone che vendono il pesce più elaborato e costoso del mondo. La maggior parte delle koi conservate oggi sono koi domestiche che non hanno un prezzo elevato, ma sono animali domestici amati, proprio come qualsiasi altro pesce.

Colori e segni

Le Koi hanno numerose classificazioni e specifiche di colore. Ci possono essere molte piccole differenze di colore che spostano i pesci da una classe all’altra. Ecco alcune delle colorazioni più popolari.

guangpraha / Getty Images

Il Gosanke

Composte da kohaku, sanke e showa, queste koi sono le più apprezzate e preziose in tutto l’hobby delle koi. Sono spesso i vincitori dei migliori spettacoli negli spettacoli di koi in tutto il mondo.

Kohaku

La varietà kohaku di koi è un corpo bianco con pigmentazione rossa. Ci sono molti modelli all’interno della varietà kohaku che contribuiscono al loro valore. Per la maggior parte delle kohaku koi classiche, il pigmento rosso o “hi” deve essere profondamente saturo e conforme ai bordi della scala, creando un netto contrasto tra bianco e rosso. È meglio se tutto il pigmento rosso è unito in bande attraverso il corpo senza dispersione casuale del pigmento.

Leggi di più  Lampeggiante in pesci d'acquario
Leggi di più  Shubunkin: profilo delle specie ittiche

Sanke

Sanke significa “tricolore” ed è una colorazione kohaku con segni minimi neri o “sumi”. Non dovrebbero esserci segni neri sulla testa, ma il pigmento rosso va bene. È preferibile che le pinne abbiano delle strisce nere dappertutto per contrasto.

Showa

Lo showa koi è analogamente correlato al sanke. Showa koi possiede la stessa colorazione di bianco, rosso e nero, ma showa koi ha più pigmento nero del rosso, creando un vivace motivo a contrasto.

Bekko

Un bekko koi può avere molti colori del corpo diversi con segni neri lungo la schiena. Uno Shiro Bekko ha un corpo bianco, un Ki Bekko ha un corpo giallo e un Aka Bekko ha un corpo rosso.

Kawarimono

Questa collezione di varietà koi è ulteriormente suddivisa. Questo gruppo contiene Karasugoi (tutto nero), Goshiki (un mix di tutti e cinque i colori: bianco, rosso, nero, blu e blu scuro), Chagoi (marrone), Benigoi (tutto rosso) e molti altri.

compagni di stagno

L’aspetto più importante di mantenere i pesci negli stagni all’aperto è che sono soggetti agli elementi e alle temperature esterne. Puoi provare a riscaldare il tuo laghetto, ma se il riscaldamento non funziona, le specie di pesci più caldi si ammaleranno molto rapidamente. Non è consigliabile allevare pesci tropicali, compresi i plecostomi, in stagni all’aperto.

Koi . aggiuntive

Prima di riempire il tuo laghetto fino all’orlo, tieni presente che avrai bisogno di almeno 250 litri d’acqua per koi. Sicuramente potrebbero non averne bisogno quando sono piccoli, ma quando cresceranno avranno sicuramente bisogno dello spazio extra. In gravidanza, le femmine di koi da riproduzione dovrebbero avere 500 galloni ciascuna per avere abbastanza energia per allevare le loro masse di uova. Le koi sono pesci comuni, quindi sono preferite almeno 3 koi per stagno.

pesce rosso

È un mito completo che koi e pesci rossi non possano essere tenuti insieme. Sono essenzialmente “cugini” di carpe e condividono tutte le stesse malattie. I pesci rossi non hanno bisogno di tanto spazio quanto le carpe koi, quindi alcuni stagni potrebbero essere migliori come stagni per pesci rossi, piuttosto che acrobazie carpe in un piccolo contenitore.

Squali Hi-Fin

Una nuova aggiunta all’hobby dei pesci, lo squalo pinna alta (Myxocyprinus asiaticus) sta bene negli stagni all’aperto. Un altro cugino della carpa, questi pesci sono più erbivori, quindi possono aiutare a ridurre alcune delle alghe nel tuo stagno, ma sicuramente preferiscono i pellet di koi. Questi pesci possono anche diventare molto grandi e il loro colore scuro li rende più difficili da vedere.

tartarughe acquatiche

Le tartarughe possono essere aggiunte agli stagni con estrema cautela. Alcune tartarughe vanno d’accordo con i pesci e non causano alcun problema. Le tartarughe birichine mordono le carpe koi sulle pinne e sugli opercoli, causando gravi danni e malattie.

Habitat e cura delle Koi

La più grande considerazione nella costruzione e nella manutenzione di un laghetto per carpe koi è avere abbastanza spazio per tutti i tuoi pesci. Sebbene inizino molto piccole, la maggior parte delle koi può crescere fino a 24 “di lunghezza in pochi, brevi anni. Molti proprietari commettono l’errore di sovraccaricare il loro stagno quando i loro pesci sono piccoli e quindi devono sbarazzarsi dei pesci quando diventano troppo grandi per l’ambiente circostante. Le Koi non dovrebbero mai essere tenute in una vasca a meno che la vasca non sia di almeno 500 galloni o più.

Leggi di più  Malattie dei pesci d'acquario d'acqua dolce
Leggi di più  Profilo di specie di pesci Guppy

È fondamentale che tutti gli stagni koi abbiano almeno 250 galloni per pesce. Questo può sembrare ridicolo quando il tuo pesce è solo di pochi centimetri, ma ne avrà bisogno quando crescerà! Più acqua renderà sempre più facile la manutenzione e manterrà i tuoi pesci più sani.

Gli stagni di Koi possono variare notevolmente di temperatura. Le Koi possono tollerare un intervallo di temperature molto ampio, ma sono facilmente stressate quando le temperature oscillano molto rapidamente. Isolare i lati del laghetto, scavare il laghetto fino a una profondità di 24″ o più e fornire una copertura all’ombra proteggerà i pesci da improvvise fluttuazioni di temperatura

Poiché i laghetti per koi sono generalmente tenuti all’esterno e ospitano pesci molto grandi, il tuo sistema di filtraggio deve essere ben pianificato e installato correttamente. Esistono tre diversi tipi di filtrazione comuni negli stagni koi.

Filtrazione meccanica

Questa filtrazione è responsabile della rimozione di grandi particelle dall’acqua. Molti stagni saltano queste caratteristiche, il che può portare a un accumulo nella filtrazione biologica e a prestazioni scadenti. Questi elementi possono includere:

  • Vasche di sedimentazione
  • Filtri a setaccio
  • Skimmer
  • Rete o filo interdentale

Filtrazione biologica

Questi filtri ospitano i batteri buoni responsabili del ciclo dell’azoto.

  • Pressurizzare i filtri a microsfere (più comuni)
  • Stuoia o reggia
  • Ghiaia o rocce laviche

Filtrazione chimica

I tipici filtri a carbone non si trovano sulla maggior parte degli stagni koi. Molti stagni koi utilizzeranno sterilizzatori UV per uccidere le alghe negli stagni. Gli sterilizzatori UV NON influiscono sui batteri o sui parassiti che vivono sui tuoi pesci.

Dieta e alimentazione Koi

Ci sono molte diete koi commerciali disponibili. Il prezzo non ha assolutamente alcuna correlazione con il fatto che un cibo sia “migliore” di qualsiasi altro. Molte diete koi sono vendute stagionalmente, ma non devi cambiare la tua dieta koi per stagione. Conserva tutto il cibo per pesci all’interno in un contenitore ermetico e sostituiscilo ogni 6 mesi per garantire che il contenuto di vitamine idrosolubili, inclusa la vitamina C, rimanga entro livelli sani.

In natura, le koi, come i loro cugini pesci rossi, sono onnivori che si nutrono dal basso. Mangiano molti insetti e trascorrono molto tempo a cercare cibo nel substrato. La maggior parte delle diete per koi sono diete galleggianti, che consentono ai proprietari di vedere i loro pesci durante il pasto. La maggior parte delle koi in cattività si adatta bene all’alimentazione in superficie. Molti proprietari vedranno i loro pesci rosicchiare le alghe e presumeranno che gli piacciano le loro verdure. Questo non è il caso! Insetti e larve di insetti si stabiliscono nelle alghe e questo è molto più gustoso per i tuoi pesci rispetto alle noiose alghe verdi.

Dato il loro stato all’aperto, l’appetito delle koi varia a seconda della temperatura dell’acqua. In alcuni climi, le koi potrebbero non essere interessate a mangiare affatto o mangiare molto poco per mesi. Questo è un comportamento normale e non è motivo di allarme. Con l’aumento delle temperature, i pesci torneranno ai loro normali appetiti.

Leggi di più  Shubunkin: profilo delle specie ittiche

Differenze di genere

Le differenze esterne tra maschio e femmina koi possono essere sottili. I pesci tenuti in condizioni di sovraffollamento o non alimentati correttamente potrebbero non sviluppare gonadi mature. Le koi femmine tendono ad avere teste e ventri più rotondi, mentre i koi maschi hanno teste appuntite e corpi più snelli. I maschi possono essere scambiati per femmine quando sono sovralimentati e obesi.

Leggi di più  Profilo di specie di pesce gatto Pictus

Le differenze comportamentali possono essere notate anche da un attento osservatore. Durante la stagione riproduttiva, in genere nella tarda primavera, le koi maschi inseguono le femmine intorno al loro stagno. I pesci immaturi possono entrare in azione semplicemente per imitare i pesci più grandi, ma in realtà non sono maturi dal punto di vista riproduttivo.

Allevare le Koi

Molte deposizioni di koi avverranno accidentalmente. Con un’alimentazione e un ambiente adeguati, anche i proprietari di koi principianti possono deporre le uova con successo. Se i tuoi pesci non si generano, va bene! Le femmine riassorberanno le uova mature e continueranno a vivere normalmente.

La maggior parte delle uova di koi richiede una destinazione per l’atterraggio delle uova, come una pianta o un pennello artificiale per la deposizione delle uova. Con temperature ideali e supporto nutrizionale, le koi si genereranno in un evento vivace e, a volte, violento. Le uova e lo sperma vengono spruzzati ovunque, con un’attenzione particolare per le piante e gli oggetti sporchi. Molte volte, gli unici segni di deposizione delle uova saranno uno strato schiumoso sopra lo stagno e il tuo pesce non si comporterà normalmente. Le uova sono molto difficili da vedere, poiché sono chiare e hanno le dimensioni della parte superiore di uno spillo. Molte delle uova verranno mangiate dai pesci e da altri invertebrati nel tuo laghetto, per non parlare di tutte le uova aggiuntive che verranno risucchiate dalla tua filtrazione. Pianifica un grande cambio d’acqua dopo un evento di deposizione delle uova poiché molti prodotti di riproduzione ricchi di proteine, uova e sperma possono causare un picco di ammoniaca.

Dopo la deposizione delle uova, le piante e gli arbusti contenenti le uova devono essere rimossi dal laghetto e messi in apposite vasche di allevamento con un’ottima filtrazione e acqua a bassa portata. È noto che le koi più grandi mangiano accidentalmente i cuccioli di koi che si intromettono durante il periodo di alimentazione. Dopo la schiusa, i baby koi “fritti” dovrebbero essere nutriti con una dieta ricca di proteine ​​e grassi per un corretto sviluppo. Una volta che sono lunghi pochi centimetri, possono essere spostati di nuovo nello stagno principale.

Altre specie di pesci da compagnia

Se ti piacciono le carpe koi, ecco alcune specie aggiuntive da controllare:

  • Profilo delle specie di pesci rossi cometa
  • Profilo delle specie di Betta (pesci combattenti siamesi)
  • Pesce per il controllo delle zanzare

Controlla ulteriori profili di razza di pesci per ulteriori informazioni su altri pesci d’acqua dolce.

Stefanie Binder
Stefanie Binder
Amante della natura, ambientalista, veterinario.
RELATED ARTICLES