A volte, quando le persone allestiscono un terrario, desiderano creare un “mini ecosistema” e aggiungere un mix di specie che convivono nel terrario. Mentre in teoria sembra una buona idea, è una situazione piena di difficoltà e può essere raggiunta solo con una grande quantità di ricerche e di lavoro. Per il custode medio di rettili e anfibi, non è qualcosa che consiglierei. Ecco perché:

  • Specie differenti hanno requisiti diversi, anche se le differenze sembrano piuttosto ridotte. In natura, ogni specie occupa una nicchia unica anche all’interno dello stesso clima generale, dove temperatura, luce e umidità variano a seconda dell’habitat specifico di ciascuna specie (ad esempio albero vs dimora terrestre, terrestre vs. acquatico). In una situazione innaturale (il terrario), è difficile fornire un ambiente che riproduca strettamente l’ambiente naturale necessario a mantenere singole specie sane e senza stress. Fornire condizioni naturali per più specie è estremamente complicato, anche se provengono dalla stessa area.
  • I terrari per specie miste devono generalmente essere molto più grandi di quelli per una singola specie e sono più difficili da mantenere. È necessaria una stanza aggiuntiva per fornire le condizioni ambientali e l’arredamento adeguati per ogni specie, oltre a consentire a ciascuna specie il proprio spazio di cacciare e interagire in modo un po ‘naturale. Affollare diverse specie insieme in un piccolo acquario può essere una ricetta per il disastro.
  • Le creature carnivore di solito non sono dei mangiatori schizzinosi e cercheranno di mangiare piccoli cagemates di qualsiasi specie. Questo vale ancora per gli animali (lucertole, rane, salamandre) che sono in gran parte insettivori; la maggior parte di questi non esiterà a cacciare altri piccoli animali data l’opportunità, specialmente se confinati in un carro armato con loro. Considera anche lo stress che metti su un animale, confinandolo a stretto contatto con un potenziale predatore.
  • La tossicità può essere un problema con alcune rane, salamandre e tritoni. Molti secernono lievi tossine per la pelle. Queste tossine potrebbero non essere pericolose per l’uomo, ma possono accumularsi in un serbatoio e causare problemi se assorbite attraverso la pelle di altri abitanti del serbatoio o se un cagemato cerca di mangiare un anfibio tossico.
  • Gli animali possono essere stressati da comportamenti e visualizzazioni che sono inaspettati e che non sanno come interpretare. Tra le specie che normalmente non coesistono, i comportamenti normali e le esposizioni benigne possono essere interpretate erroneamente e questo può portare a combattere o stress.
  • Gli animali provenienti da diverse aree o habitat hanno immunità differenti a parassiti e malattie infettive. Pertanto, una specie può ospitare un bug che può portare senza effetti negativi. Tuttavia, se quell’insetto (che si tratti di un parassita, di un virus o di un batterio) viene introdotto in una specie senza immunità naturale, il risultato può essere devastante.

    So che ci sono persone là fuori che hanno carri armati misti che sembrano fare bene, ma la mia raccomandazione è di attenersi a una specie per serbatoio. I risultati della miscelazione di specie di rettili e anfibi in un terrario sono imprevedibili, soprattutto per i meno esperti. Fornire l’ambiente adatto e alleviare lo stress è troppo importante per la salute e il benessere dei rettili e degli anfibi, per correre il rischio di mescolare le specie.

    Articolo precedenteCura cinese del drago d’acqua dell’animale domestico
    Articolo successivoI draghi barbuti possono vivere insieme?