La pitiosi (altrimenti nota come infezione da muffa d’acqua) è una rara infezione fungina causata dallo stampo acquatico Pythium insidiosum che si verifica nei cani. Generalmente si contrae quando gli animali con piaghe aperte bevono, stanno in piedi o nuotano in acque stagnanti contaminate.

Virus, batteri e parassiti che possono ferire un cane

Che cos’è la pitiosi?

La pitiosi, a volte chiamata infezione da muffa d’acqua o cancro alla palude, è un’infezione fungina causata da un organismo chiamato Pythium insidiosum. Pur non essendo un vero fungo, P. insidiosum è un tipo di muffa d’acqua. È caratterizzato da segni gastrointestinali e / o segni dermatologici e può essere letale. Si contrae quando un cane nuota in acqua contaminata e / o beve acqua contaminata e non ha effetti solo sui cani. Anche i gatti, i cavalli, le mucche e persino le persone possono soccombere alla pitiosi.

Segni di pitiosi nei cani

  • Febbre
  • Rigurgito
  • Perdita di peso a lungo termine
  • Masse addominali / dolore
  • Linfonodi ingrossati

Il segno più comune visto nei cani che contraggono la pitiosi è l’estrema perdita di peso. Questo di solito è dovuto al vomito e alla diarrea causata anche dal processo patologico. La pitiosi può anche influenzare la pelle, causando grumi e fistole ulcerativi e drenanti che non sembrano mai guarire completamente. Questi si trovano in genere su gambe, addome, petto, viso e / o coda. A seconda del grado di infiammazione associato ai noduli, le aree possono essere leggermente spugnose o piuttosto sode al tatto.

Diagnosi della pitiosi

Molti casi di pitiosi non sviluppano mai segni clinici fino a quando il cane non è stato infettato per lungo tempo. Ciò rende difficile la diagnosi basata esclusivamente sull’anamnesi di un paziente che ha recentemente nuotato in uno stagno. Invece, il veterinario potrebbe voler eseguire vari test di laboratorio per verificare la presenza di segni di infezione. Se il tuo cane ha lesioni cutanee, il veterinario vorrà ottenere campioni da esaminare al microscopio. Un’ecografia consentirà al veterinario di visualizzare l’intestino del cane e verificare eventuali anomalie nello spessore e nell’integrità delle pareti intestinali. Una biopsia intestinale mostrerà definitivamente la presenza di P. insidiosum. Un pannello di chimica del sangue completo controllerà la funzione degli organi del tuo cane per garantire che non vi siano infezioni sistemiche. Esistono anche esami del sangue specializzati in grado di verificare la presenza dell’organismo. I generi Pythium nel complesso è difficile da coltivare in quanto non cresce molto bene sui normali terreni di coltura fungina e la contaminazione batterica che può distorcere i risultati è comune.

Leggi di più  Cosa fare se il cane vomita la schiuma bianca

Trattare la pitiosi

Va notato che una prognosi della pitiosi si accompagna a una prognosi sfavorevole. Gli antimicotici possono essere utilizzati, ma meno del 10 percento dei casi si riprende completamente dai soli farmaci. L’unica misura veramente curativa che può essere presa è la completa rimozione chirurgica di qualsiasi tessuto infetto. Per le lesioni cutanee, ciò può comportare un’amputazione degli arti. Qualsiasi coinvolgimento gastrointestinale diventa ancora più complicato. Il tuo veterinario può provare a rimuovere pezzi di intestino che sono infetti, ma la prognosi è molto più grave se c’è un coinvolgimento gastrointestinale. Questo perché l’infezione fungina può facilmente diffondersi dal tratto gastrointestinale ad altri organi all’interno dell’addome. Più si diffonde, più diventa difficile asportare completamente tutto il tessuto infetto. Ancora una volta, la chirurgia non è curativa se non taglia completamente tutto il tessuto infetto.

Se il tuo cane sembra avere solo un coinvolgimento cutaneo, una volta rimosso tutto il tessuto infetto il veterinario vorrà mettere il tuo cane a una dieta altamente digeribile e ad alto contenuto calorico. Ciò contrasterà qualsiasi perdita di peso subita dal cane. Il veterinario sottoporrà anche il tuo cane a farmaci antifungini per un periodo compreso tra 3 e 6 mesi per aiutare a prevenire qualsiasi ricorrenza.

Quali cani sono a rischio?

P. insidiosum può vivere in paludi, stagni e stagni ed è più spesso riportato negli stati che circondano la costa del golfo. Tuttavia, non è isolato in questa regione ed è stato riportato in Oklahoma, Arkansas, Missouri, Kentucky, Tennessee, Carolina del Nord, Carolina del Sud, New Jersey, Virginia, California e Arizona. Inoltre, sono stati segnalati casi anche in Australia, Brasile, Birmania, Columbia, Tailandia e Giappone. I cani tipicamente giovani, di tipo maschio, sono maggiormente a rischio, ma qualsiasi cane amante dell’acqua può essere suscettibile alle infezioni. I cani con ferite aperte possono anche essere maggiormente a rischio di infezione. Sembra che si tratti di un’infezione stagionale, poiché la maggior parte dei casi è segnalata tra agosto e dicembre.

Leggi di più  Shunt di fegato nei cani

La pitiosi può essere una preoccupazione molto seria per te e il tuo cane. Impedire al tuo cane di nuotare e bere acqua sporca e stagnante è il modo migliore per proteggere il tuo cane dalla contrazione di questa muffa d’acqua infettiva.