“Tubercolosi del pesce” è il nome comune per un pesce infetto Mycobacterium spp. Questo genere batterico ha un rivestimento protettivo esterno unico che rende impossibile il trattamento una volta all’interno del sistema. Le infezioni si manifestano in modo diverso e potrebbero non mostrare alcun segno clinico. Questa è una malattia significativa perché è zoonotica e può essere trasmessa all’uomo attraverso ferite aperte?

Che cos’è la tubercolosi dei pesci?

Ci sono diverse specie batteriche all’interno del Mycobacterium genere. Sono contaminanti ambientali comuni e non richiedono un ospite di pesce. Mycobacterium spp. può infettare mammiferi, uccelli, rettili e pesci. Alcune specie causeranno un’infezione localizzata, mentre altre una malattia sistemica di tutto il corpo. Questa malattia si chiama “tubercolosi dei pesci” da allora Mycobacterium tuberculosis è l’agente causale per la tubercolosi nell’uomo.

Sintomi della tubercolosi dei pesci

Morti occasionali non specifiche

Granulomi osservati sugli organi interni durante la necropsia

Aumento delle infezioni secondarie

I sintomi più comuni della tubercolosi dei pesci sono la mortalità bassa e non specifica, che rende molto difficile da rilevare. Alcune infezioni possono essere presenti senza segni clinici per lunghi periodi di tempo.

Cause della tubercolosi dei pesci

  • Aggiunta di pesce non sintomatico (portatore)
  • Aggiunta di piante infette o altri materiali biologici
  • Trasferito nelle mani dei proprietari senza servizi igienico-sanitari adeguati

Da molti Mycobacterium spp. sono comuni nell’ambiente, non prendersi il tempo necessario per lavarsi correttamente le mani può trasferire batteri al sistema.

Trattamento della tubercolosi dei pesci

Non esiste un trattamento efficace della tubercolosi dei pesci oltre alle cure di supporto. Alcuni pesci possono vivere a lungo con un’infezione e non mostrano segni clinici esterni di malattia. Potresti vedere un modello a lungo termine di decessi casuali senza collegamenti ad altre malattie, aggiunte di pesce, dieta o altre cause ambientali, come la qualità dell’acqua.

Leggi di più  15 nomi di pesci rossi classici

Se un pesce risulta positivo alla tubercolosi del pesce nel tuo sistema, si presume che tutti i pesci siano infetti. Una volta che un pesce nel tuo sistema è risultato positivo, puoi tenere il serbatoio come un sistema chiuso, senza pesci nuovi dentro o fuori, e assicurati di prendere le dovute precauzioni di biosicurezza, come i guanti, o di scegliere di spopolare e disinfettare il tuo sistema. Lo spopolamento è raccomandato in ambienti immunocompromessi.

Come prevenire la tubercolosi dei pesci

Mycobacterium spp. sono uno dei patogeni più difficili da rilevare, anche con protocolli di quarantena adeguati. Anche se sacrifichi un pesce per il test, potresti averne un altro che ospita la malattia. Mantenere protocolli di quarantena adeguati per tutti i nuovi pesci e piante è la migliore possibilità di contrarre un’infezione.

Mycobacterium spp. non può essere trattato con uno sterilizzatore UV. L’infezione vive all’interno del pesce, dove la luce UV non può penetrare.

La tubercolosi dei pesci è contagiosa per gli esseri umani?

La maggior parte degli umani è infettata Mycobacterium spp. attraverso ferite aperte a contatto con pesci o acqua infetti. I pesci con spine appuntite, come il pesce gatto, possono introdurre batteri attraverso una puntura durante la manipolazione. Questa malattia è anche conosciuta come “malattia del conduttore del pesce” o “granuloma del serbatoio di pesce”. Si presenta comunemente nell’uomo come un’eruzione cutanea localizzata o pustole. Indossare dispositivi di protezione adeguati quando si maneggiano pesci appuntiti o si ha una ferita aperta sulla mano.

Maggior parte Mycobacterium spp. non causare malattie gravi per soggetti sani. Gli individui immunocompromessi hanno un rischio maggiore di sviluppare un’infezione sistemica. Se sei preoccupato, potresti aver contratto Mycobacterium da un sistema infetto, contattare il proprio medico.

Leggi di più  Pesci d'acqua dolce dell'acquario aggressivo

Procedure diagnostiche veterinarie per la tubercolosi dei pesci

Tutti i pesci che muoiono in quarantena devono essere immediatamente trattati dal veterinario. Il tessuto del pesce si rompe molto rapidamente, pertanto è necessario eseguire rapidamente i test diagnostici. Se un pesce è morto ore prima ed è stato rosicchiato dai suoi compagni di vasca, non sarà un buon candidato per il test.

Per i piccoli pesci, non esiste una diagnosi antemortem per la tubercolosi dei pesci. Di solito, in una sospetta infezione, un pesce clinicamente malato viene sacrificato per i test istopatologici. I pesci più grandi possono essere campionati eseguendo un intervento di chirurgia celelica aperta o laparoscopica nella cavità celia. I granulomi possono essere visualizzati e campionati per i test diagnostici.

Per confermare la presenza di è necessaria una colorazione acida rapida specializzata Mycobacterium spp. Tutti i campioni di pesce devono essere inviati a un laboratorio che abbia familiarità con i tessuti dei pesci poiché sono molto diversi dalle altre specie di animali domestici.

Corretta sanificazione per i sistemi infetti

Eventuali materiali porosi come rami o muschio devono essere gettati via. Non esiste un metodo per pulire efficacemente questi materiali. È possibile pulire substrati piccoli e granulari, come la sabbia, ma rocce e pietre più grandi hanno troppi angoli e fessure per pulire efficacemente.

Da Mycobacterium spp ha un rivestimento esterno specializzato, la scelta del disinfettante corretto è fondamentale. Una soluzione di Lysol all’1% è la più efficace per eliminare i sistemi precedentemente colpiti Mycobacterium spp.2? Mai aggiungere Lysol a un sistema con pesci!

Fonti dell’articolo Point Pet utilizza solo fonti di alta qualità, compresi studi peer-reviewed, per supportare i fatti all’interno dei nostri articoli. Leggi il nostro processo editoriale per saperne di più su come controlliamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e affidabili.

  1. Infezioni micobatteriche dei pesci. Centro di acquacoltura regionale meridionale, 2011

  2. Mainous, Mary E. e Stephen A. Smith. Efficacia dei comuni disinfettanti contro il micobatterio marinico. Journal of Aquatic Animal Health, vol 17, n. 3, 2005, pagg. 284-288. Wiley, doi: 10,1577 / h04-051.1

Leggi di più  Pesce d'acqua dolce a bassa manutenzione per principianti