Vibriosi nei pesci

La vibriosi è causata da un comune batterio del serbatoio. Il più delle volte, questo batterio non causa problemi ai tuoi pesci. Tuttavia, se le loro difese si abbassano a causa di stress o immunodeficienza, Vibrio spp. può causare malattie potenzialmente letali.

Esistono ceppi noti che sono più virulenti e causeranno focolai più gravi rispetto ad altre specie. La vibriosi è una malattia zoonotica e può infettare l’uomo, a volte con conseguenze molto gravi.

Cos’è la vibriosi?

La vibriosi è la malattia causata da batteri gram-negativi, anaerobi facoltativi, del genere Vibrio . Ci sono molti ceppi di Vibrio presenti nell’ambiente acquatico in ogni momento. Sebbene siano più comuni nei sistemi marini, ci sono specie che possono infettare i pesci d’acqua dolce.

Alcuni ceppi sono più patogeni di altri e diffondono la malattia più facilmente, soprattutto se i pesci sono compromessi a causa di una disfunzione immunitaria.

Questa malattia è presente sia nei pesci da compagnia che nelle specie di acquacoltura. Non è comune nei pesci da compagnia e l’acquacoltura ha sviluppato vaccini efficaci.

Sintomi della virbiosi nei pesci

Ci sono molti sintomi di vibriosi che possono essere visti. Questi sintomi non sono patognomonici e possono essere causati da altre malattie.

Segni

  • Pinne rosse
  • Bocca, opercolo e occhi rossi
  • Esoftalmia e opacità corneale
  • Anoressia
  • Branchie pallide
  • Morte improvvisa

Cause di vibriosi

La vibriosi è causata da un’infezione delle specie batteriche Vibrio . Ce ne sono molti presenti in ogni momento nell’ambiente acquatico. Ceppi più gravi possono entrare in un sistema che ignora le rigorose pratiche di quarantena. I pesci immunocompromessi, come quelli stressati dalla scarsa qualità dell’acqua, dal bullismo o dalla mancanza di un’alimentazione sufficiente, sono più suscettibili alla diffusione batterica. Le ferite traumatiche sono anche potenziali aree di maggiore crescita dei batteri.

Leggi di più  Malattie dei pesci d'acquario di acqua salata

Vibrio spp. sono noti per essere più problematici con temperature più calde. Se la temperatura della vasca o del laghetto oscilla, potresti vedere più segni clinici quando l’acqua è più calda rispetto alla temperatura dell’acqua più fredda.

Processo diagnostico

In una sospetta epidemia di vibriosi, il veterinario raccoglierà pesci recentemente deceduti o moribondi prossimi alla morte per essere sottoposti a un laboratorio specifico. Il laboratorio eseguirà colture batteriche e test di sensibilità per identificare i batteri prominenti presenti e a quale antibiotico è più suscettibile. Sono note resistenze batteriche agli antibiotici, quindi la coltura e la sensibilità sono fondamentali.

Nella maggior parte dei casi, dovrai identificare e correggere eventuali potenziali fattori di stress nella tua vasca. Ciò può includere il miglioramento della manutenzione, una dieta migliore, un habitat più equilibrato o la rimozione di pesci aggressivi.

Trattamento

Se sospetti che il tuo pesce sia infetto da Vibriosi, spostalo in un ospedale o in una vasca di quarantena. Metti alla prova la chimica dell’acqua per assicurarti che i tuoi livelli siano nel raggio d’azione, valuta la dieta dei tuoi pesci e considera eventuali compagni di vasca aggressivi. Lo stress secondario contribuisce notevolmente a peggiorare le infezioni da Vibrio .

Gli “antibiotici” da banco non sono efficaci contro la vibriosi. Sono noti molti ceppi resistenti di Vibrio che richiedono il trattamento corretto. Una volta eseguita una cultura diagnostica e una sensibilità, il veterinario determinerà la migliore linea d’azione. Gli antibiotici possono essere somministrati direttamente come iniezione, formulati in un mangime o possono richiedere un trattamento a base d’acqua.

Come prevenire la vibrazione

Come con altre malattie infettive, mettere in quarantena tutte le nuove aggiunte al tuo acquario è fondamentale. Questo include tutti i pesci, gli invertebrati e le rocce vive. Dovrai tenerli lontani per almeno quattro settimane, tuttavia potrebbero persistere nell’ambiente. È probabile che molti sistemi ittici ospitino Vibrio spp. che non danneggerà mai i loro abitanti.

Leggi di più  Six Line Wrasse: profilo delle specie ittiche

Per prevenire un’epidemia di Vibrio nella tua vasca, è fondamentale mantenere un ambiente sano e poco stressante per i tuoi pesci. Il metodo migliore per garantire la salute contiene quanto segue:

  • Metti in quarantena tutte le nuove aggiunte vive per almeno 4-6 settimane (include piante, invertebrati e roccia viva)
  • Controlla regolarmente la qualità dell’acqua e imposta una routine di manutenzione costante
  • Mantieni la pace tra gli abitanti del tuo carro armato e pianifica di conseguenza le nuove aggiunte
  • Nutri una dieta di alta qualità e assicurati di considerare l’appetito di tutti i tuoi pesci
  • Controlla regolarmente tutti i tuoi pesci per eventuali segni di malattia e chiama il tuo veterinario acquatico il prima possibile per qualsiasi dubbio

La vitalità è contagiosa per gli esseri umani?

La vibriosi è una malattia zoonotica nota e contagiosa per l’uomo. I batteri possono penetrare attraverso tagli e graffi sulla pelle, provocando un’infezione e un’infiammazione localizzate. Gli individui immunocompromessi sono a rischio di sintomi più gravi.

Alcuni ceppi di Vibrio sono noti come “batteri carnivori” e possono causare infezioni potenzialmente letali con conseguenti amputazioni se non trattate con sufficiente anticipo.

Stefanie Binder
Amante della natura, ambientalista, veterinario.
RELATED ARTICLES