La mastite è una condizione evidente che può colpire qualsiasi cane con ghiandole mammarie. Mentre la condizione è più spesso considerata un problema che riguarda solo le femmine in gravidanza o in allattamento, può verificarsi in qualsiasi cane, anche nei maschi. Saper evitare e trattare questa condizione è importante per la salute e il benessere del tuo cane.

Che cos’è la mastite nei cani?

La mastite si verifica quando le ghiandole mammarie, che si trovano nel seno dei cani, si infiammano, in genere a causa di un’infezione batterica o accumulo di latte. I batteri entrano nella ghiandola attraverso l’apertura nella tettarella e causano un’infezione, infiammazione e altri sintomi problematici della mastite. Altre volte, i batteri non sono coinvolti e la mastite si verifica semplicemente a causa dell’accumulo di latte in eccesso nella ghiandola mammaria.

Il segno più comune di mastite in un cane maschio o femmina è un seno gonfio. Uno o più seni possono essere infetti e gonfiati e questo gonfiore non si limita al solo cane in allattamento o in gravidanza. Quando il seno si gonfia, possono anche infiammarsi, scolorirsi come un livido e persino sviluppare ulcere o piaghe su di loro. I capezzoli possono anche diventare molto infiammati e più grandi del solito. Un po ‘di sangue o pus possono anche trasudare dalla tettarella. Se tocchi le ghiandole mammarie del tuo cane, potrebbero sentirsi calde al tatto a causa dell’infiammazione e dell’infezione e potrebbero essere dolorose. La maggior parte dei cani con mastite non vuole sfregamenti di pancia a causa della sensibilità e del dolore che provoca alle loro ghiandole mammarie.

Nei primi casi di mastite in un cane da allattamento, potresti notare che i cuccioli non stanno ingrassando se stanno tentando di allattare da un seno con mastite. Potresti anche notare che il latte prodotto può contenere sangue o pus e il tuo cane potrebbe essere riluttante ad allattare i suoi cuccioli mentre la mastite peggiora. Le ghiandole mammarie dolorose fanno più male solo se i cuccioli iniziano ad allattarsi da loro, quindi un cane da allattamento con mastite può cercare di allontanarsi dai suoi cuccioli e non permettere loro di allattare.

Mentre l’infezione nella ghiandola mammaria si diffonde, un cane può diventare settico se la mastite non viene trattata. Vomito, diarrea e persino anoressia sono in genere osservati in questi cani.

Segni di mastite nei cani

  • Seno gonfio
  • Seno scolorito
  • Lettini infiammati o rossi
  • Tettarelle gonfie
  • Seni ulcerati
  • Ghiandole mammarie calde al tatto
  • Sangue o pus nel latte
  • Sangue o pus che trasudano dai capezzoli
  • Seno doloroso
  • letargo
  • Anoressia
  • vomito
  • Riluttanza a consentire l’allattamento
  • I cuccioli in allattamento non stanno ingrassando

Ellen11 / Getty Images

Cause di mastite nei cani

La causa più comune di mastite è dovuta all’entrata di batteri nella ghiandola mammaria, ma può anche verificarsi semplicemente da troppo latte nella ghiandola.

  • Trauma: La ragione più comune per cui un cane sviluppa la mastite è dovuta al trauma della tettarella. Il trauma di un cucciolo che allatta o un altro tipo di lesione consente batteri come E. coli, per entrare nella ghiandola mammaria attraverso il canale della tettarella. Ciò provoca un’infezione batterica.
  • Accumulo di latte in eccesso: Occasionalmente viene prodotto troppo latte che si accumula nella ghiandola mammaria. Questa pressione può causare mastite senza un componente batterico.
  • Ambienti sporchi: Il trauma non è l’unico modo in cui i batteri possono entrare nel canale della tettarella. Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente sporco può consentire ai batteri di provocare un’infezione nella ghiandola mammaria.

Diagnosi di mastite nei cani

Dopo aver ottenuto un’anamnesi e aver eseguito un esame fisico completo, il veterinario molto probabilmente diagnostica la mastite del cane sulla base dei risultati fisici, soprattutto se si tratta di una cagna incinta o in allattamento. Occasionalmente un campione di qualsiasi scarica dalla tettarella sarà esaminato al microscopio per vedere se vi sono prove di sangue o batteri. Se hai un cane maschio con mastite o una femmina che non è incinta o che allatta, possono essere eseguiti ulteriori test per escludere altri problemi come il cancro mammario.

Trattamento e prevenzione della mastite nei cani

Se al tuo cane viene diagnosticata la mastite, molto probabilmente verranno prescritti antibiotici per via orale e farmaci antinfiammatori. La mastite non richiede in genere il ricovero a meno che il cane non sia diventato settico o richieda la rimozione chirurgica di ghiandole gravemente malate.

Se la mastite è dovuta a un eccesso di accumulo di latte, potrebbe essere necessario mungere delicatamente il seno a mano per esprimere l’eccesso. Un impacco di foglie di cavolo può anche essere raccomandato per aiutare con dolore e infiammazione. Ciò comporta l’applicazione di una benda attorno al corpo del tuo cane per tenere in posizione la foglia di cavolo, ma dovrebbe essere rimossa per consentire ai cuccioli di allattare. Infine, mantenere pulite le ghiandole mammarie è importante non solo per aiutare a curare la mastite ma anche per prevenire che si verifichi in primo luogo. Il bagno e la pulizia regolari delle ghiandole mammarie dei cani che allattano sono una parte importante per mantenerli puliti e sani.