Meloxicam per i cani

Il meloxicam è un farmaco comunemente usato per trattare il dolore e l’infiammazione nei cani, ma come la maggior parte dei farmaci da prescrizione, il meloxicam presenta alcuni rischi. Fortunatamente, la maggior parte dei cani tollera bene il farmaco, che aiuta a ridurre il dolore e l’infiammazione.

Che cos’è il Meloxicam?

Il meloxicam è un FANS, o farmaco antinfiammatorio non steroideo, della classe degli oxicam. È un inibitore selettivo della COX-2, il che significa che non agisce sulla COX-1. La ciclossigenasi, o COX, è una famiglia di enzimi chiamati isoenzimi. Sia la COX-1 che la COX-2 producono prostaglandine, che sono lipidi presenti nelle cellule del corpo e che hanno effetti ormonali e promuovono il dolore e l’infiammazione. La COX-1 e la COX-2 si trovano in cellule diverse del corpo. È dimostrato che l’inibizione della COX-2 ma non della COX-1 può ridurre gli effetti collaterali gastrointestinali tipicamente associati ai FANS inibitori della COX non selettivi.1

Il meloxicam è disponibile in compresse per uso umano, ma le dosi di tali compresse sono troppo elevate per l’uso nei cani (con la possibile eccezione delle razze canine giganti). Il meloxicam veterinario si trova in genere in una sospensione aromatizzata con una siringa orale speciale per un dosaggio accurato. La sospensione orale è disponibile in due dosaggi: 0,5 mg/mL e 1,5 mg/mL. È importante che utilizzi il dosaggio corretto per il suo cane, per evitare un sovradosaggio.

I nomi commerciali del meloxicam veterinario includono Metacam, Meloxidyl e Loxicom. Possono essere disponibili altre forme veterinarie generiche. Non somministri mai al suo cane il meloxicam per uso umano senza le specifiche istruzioni di dosaggio del suo veterinario.

Leggi di più  Uso di Enalapril (Enacard, Vasotec) per i cani

Usi del Meloxicam per i cani

Il metacam viene talvolta utilizzato per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione associata a condizioni come l’osteoartrite. Spesso viene utilizzato per ridurre il dolore e l’infiammazione, al fine di promuovere la guarigione e il recupero dopo un intervento chirurgico o una lesione.

Il meloxicam viene tipicamente somministrato ai cani come dose una volta al giorno di 0,1 mg/kg (0,045 mg per libbra). La dose iniziale può essere raddoppiata a discrezione del veterinario.2 Fortunatamente, le soluzioni di meloxicam per cani sono in genere fornite con una siringa per il dosaggio in base al peso corporeo del cane.

Agiti bene la soluzione, quindi prelevi la dose per il peso del suo cane (o la dose consigliata dal veterinario) nella siringa fornita. La soluzione può essere messa direttamente in bocca al cane o aggiunta al cibo. Quando aggiunge il meloxicam al cibo o ai bocconcini, si assicuri che il cane mangi l’intera porzione di cibo per garantire un dosaggio adeguato. Somministrare questo farmaco con il cibo può ridurre le possibilità di disturbi gastrointestinali.

Effetti collaterali del Meloxicam per cani

I potenziali effetti collaterali del meloxicam sono essenzialmente gli stessi di altri FANS.

Segni di effetti negativi del Meloxicam nei cani

  • Vomito (eventualmente con sangue)
  • Diarrea (eventualmente con sangue)
  • Diminuzione dell’appetito
  • Ulcerazione ed emorragia gastrointestinale
  • Feci nere e catramose (sangue digerito nelle feci)
  • Danni ai reni
  • Danni al fegato
  • Emorragia prolungata o inspiegabile (coagulazione anomala)
  • Problemi al sistema nervoso centrale (non comune)

Se si verificano effetti collaterali nel suo cane durante la somministrazione di meloxicam, interrompa il farmaco e contatti subito il suo veterinario. Porti immediatamente il suo cane dal veterinario se nota emorragie abbondanti, estrema letargia, collasso improvviso o altri gravi segni di malattia.

Leggi di più  Ottenere una pulizia professionale dei denti per il suo cane

Considerazioni prima di somministrare Meloxicam ai cani

Il suo veterinario potrebbe raccomandare degli esami di laboratorio generali per valutare le funzioni degli organi del suo cane e la sua salute generale prima di prescrivere il meloxicam. Questi esami potrebbero rivelare problemi epatici o renali sottostanti che potrebbero essere peggiorati dalla terapia con meloxicam.

Alcuni farmaci non devono essere assunti contemporaneamente al meloxicam. Altri FANS (come l’aspirina, il carprofene, il meloxicam, il deracoxib e altri) devono essere sospesi prima di iniziare il meloxicam, a meno che il veterinario non raccomandi diversamente. L’uso contemporaneo di più FANS aumenta il rischio di effetti collaterali come vomito, diarrea, ulcerazioni o emorragie gastrointestinali, danni al fegato o ai reni e sanguinamenti anomali. Gli stessi effetti avversi possono verificarsi con gli steroidi (come il prednisone e il cortisone) insieme al meloxicam. Se il suo cane sta assumendo FANS o steroidi, il veterinario le consiglierà un periodo di wash-out di una settimana prima di iniziare a somministrare il meloxicam.

I cani in trattamento a lungo termine con meloxicam dovranno essere monitorati di routine. Il monitoraggio comprende in genere esami del sangue ogni tre-sei mesi, per assicurarsi che non vi siano danni agli organi. È anche importante portare il cane a fare gli esami fisici di routine, come raccomandato dal veterinario. In questo modo, il veterinario potrà verificare la presenza di danni correlati al meloxicam e di condizioni sottostanti che possono essere peggiorate dall’uso continuato del meloxicam.

Parli con il suo veterinario se ritiene che il meloxicam non stia funzionando bene per alleviare il dolore e l’infiammazione del suo cane. Potrebbe prendere in considerazione altre opzioni terapeutiche.

Leggi di più  Uso di Zonisamide per il trattamento delle crisi epilettiche nei cani

Fonti degli articoli Point Pet utilizza solo fonti di alta qualità, tra cui studi sottoposti a revisione paritaria, per supportare i fatti contenuti nei nostri articoli. Legga il nostro processo editoriale per saperne di più su come controlliamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e degni di fiducia.

  1. Radi, Zaher A. “Fisiopatologia dell’inibizione della ciclossigenasi nei modelli animali”. Patologia tossicologica, vol. 37, n. 1, 2009, pagg. 34-46.

  2. Plumb’s Veterinary Drug Handbook, 7a edizione. Donald C. Plumb, Pharm.D.

- Advertisement -