G-KC4KM98SK4
Pesci e acquari d'acqua dolceRazze di pesci d'acqua dolceProfilo della specie del pesce arcobaleno dalla coda a forcella

Profilo della specie del pesce arcobaleno dalla coda a forcella

Il pesce arcobaleno dalla coda a forchetta, Pseudomugil furcatus, è facile da allevare, ha colori bellissimi ed è relativamente resistente. Di dimensioni inferiori a due pollici quando è completamente cresciuto, questo piccolo pesce arcobaleno si adatta bene ad altri piccoli pesci di banco in un acquario di comunità ben piantumato. A condizione che questo pesce venga trasferito lentamente nel suo nuovo acquario, si adatterà a un’ampia gamma di condizioni dell’acqua, da quella dolce e leggermente acida a quella dura e alcalina.

Panoramica della specie

Nomi comuni: Pesce arcobaleno dalla coda a forcella, Pesce azzurro dalla coda a forcella

Nome scientifico: Pseudomugil furcatus

Dimensioni da adulto: 2 pollici

Aspettativa di vita: 3 anni

Caratteristiche

Famiglia

Origine

Sociale

Livello della vasca

Dimensioni minime della vasca

Dieta

Allevamento

Cura

pH

Durezza

Temperatura

Pseudomugilidae
Nuova Guinea
Tranquillo
Medio
30 galloni
Onnivoro
Riproduttori
Facile
Da 7.0 a 8.0
Da 8 a 18 dGH
Da 75 a 79 F (da 24 a 26 C)

Origini e distribuzione

I pesci arcobaleno dalla coda a forcella sono originari di Peria Creek e del fiume Kwagira della Papua Nuova Guinea orientale; in natura esistono solo in un’area geografica molto piccola nella provincia di Milne Bay. Occasionalmente si spostano nei fiumi e negli affluenti vicini, probabilmente a causa del drenaggio tra i diversi corsi d’acqua.

Questi pesci prediligono i corsi d’acqua a lento scorrimento, con una vegetazione abbondante; questi ambienti facilitano la ricerca dei loro alimenti preferiti: zooplancton, fitoplancton e invertebrati. Pochissimi pesci arcobaleno dalla coda a forcella vengono raccolti in natura. Poiché sono facili da allevare, vengono allevati negli allevamenti per il commercio degli acquari.

Colori e marcature

Il pesce arcobaleno dalla coda a forchetta è una specie molto attraente, con occhi blu, corpo argentato e strisce gialle brillanti sulla parte superiore e inferiore del corpo nella stagione riproduttiva. Due pinne pettorali rovesciate, quasi simili ad ali, di colore giallo brillante, insieme a pinne dorsali di colore giallo brillante nella stagione riproduttiva, rendono queste piccole gemme ottime aggiunte a qualsiasi acquario di comunità.

Leggi di più  Profilo della specie Tetra testa e coda (Pesce faro)

Compagni di vasca

I pesci arcobaleno dalla coda a forcella sono una specie da banco e dovrebbero essere tenuti con sei-dieci esemplari della loro stessa specie. Si tratta di un pesce generalmente pacifico, che può vivere comodamente con specie di gobidi o pesci gatto più piccoli, danios, tetra, rasbora, ciclidi nani e altri piccoli pesci arcobaleno. Eviti di tenere questa specie in una vasca con pesci che si muovono più lentamente o con pesci con pinne lunghe e strascicate, perché a volte si azzannano e possono essere un po’ aggressivi.

Habitat e cura del pesce arcobaleno dalla coda a forcella

Quando crea un habitat per il suo pesce arcobaleno dalla coda a forcella, ricordi che il suo ambiente nativo è costituito da acqua a lento movimento con una grande quantità di vegetazione. Per ricreare un habitat simile, scelga un acquario da 30 galloni o più grande e aggiunga un substrato scuro, sabbioso o roccioso.

Decora con rocce di fiume, legni alla deriva, piante radicate e piante galleggianti a foglie piumate. Le piante galleggianti su un substrato scuro non solo faranno risaltare al meglio i colori di questa specie, ma i pesci saranno più tranquilli e confortevoli. Le piante vive sono necessarie per far prosperare questo pesce. Si assicuri che l’acqua sia ben ossigenata. Utilizzi un sistema di filtraggio di grandi dimensioni, ma che non crei troppa turbolenza.

Il pesce arcobaleno dalla coda a forcella è molto attivo; non è solo veloce, ma anche agile, e nuota, si contorce e si gira dentro e fuori le piante in modo giocoso. Si tratta di un pesce di zona media e si muove finché le luci dell’acquario sono accese. È meglio tenere due maschi insieme a quattro-sei femmine per indurre le manifestazioni sociali più attive. Il pesce arcobaleno dalla coda a forcella ha bisogno di molte ore per acclimatarsi al nuovo ambiente dell’acquario. Una rapida esposizione a una diversa chimica e temperatura dell’acqua può sconvolgere il loro sistema.

Dieta e alimentazione del pesce arcobaleno dalla coda a forcella

Un grande vantaggio del pesce arcobaleno dalla coda a forcella è la sua alimentazione semplice: non ha quasi esigenze particolari. Scelga fiocchi, micropellet e piccoli alimenti congelati come dafnie, gamberetti di salamoia (Artemia nauplii) e ciclopi.

Leggi di più  Symphysodon Discus - Pesce Pompadour

Come combattere il parassita dell’acquario Hydra

Differenze di genere

I pesci arcobaleno dalla coda a forcella maschi si distinguono per i loro colori più nitidi e per la forma sorprendente delle pinne; le pinne sono ricurve e quasi simili ad ali e sono di colore giallo brillante. Le femmine e i giovani hanno la stessa colorazione di base dei maschi, ma i colori non sono così brillanti.

Allevare il Pesce Arcobaleno dalla coda a forcella

Questi pesci hanno una vita breve in natura, quindi maturano rapidamente e si riproducono giovani. I maschi sono primi a circa otto mesi; dopo un anno o 15 mesi, svilupperanno un petto di piccione, a quel punto saranno troppo vecchi o maturi per riprodursi. Tuttavia, molti pesci arcobaleno dalla coda a forchetta vivono fino a diventare pesci molto anziani in un acquario di comunità.

Questa specie si accoppia solitamente all’interno del branco e depone le uova tra le piante a foglie piumose. Negli ultimi 10 anni, questo straordinario membro della famiglia dei pesci arcobaleno è scomparso quasi completamente dalla scena degli acquari domestici. È un peccato, perché non solo questo pesce straordinario è uno dei pesci arcobaleno più facili da tenere in un acquario di comunità, ma è anche uno dei più facili da allevare nel suo genere.

Utilizzando due maschi e sei femmine, ogni maschio creerà il proprio “territorio” nella vasca di riproduzione ben piantumata. Uno dei maschi prenderà possesso di una pianta a foglie fini o di una scopa da riproduzione in un’estremità della vasca. Noterà che le femmine rimarranno al centro dell’acquario durante questo rituale di accoppiamento; l’altro maschio può prendere possesso di un’altra pianta del mop da riproduzione all’altra estremità della vasca.

Deve alzarsi all’alba, o far sì che il sistema di illuminazione della vasca di riproduzione simuli l’alba, momento in cui i maschi si mostreranno per le femmine. Vale la pena alzarsi per questo, perché diventano molto belli nelle loro danze. Occasionalmente i maschi possono avere una breve schermaglia per la dominanza, ma tendono a ignorarsi a vicenda.

Leggi di più  Tutto sui pesci d'acquario vivipari

Alla fine, una femmina seguirà uno dei maschi per tornare alla sua pianta o al suo mop di riproduzione per deporre le uova. Saprà che si stanno riproducendo quando si immergono nella parte bassa della vasca e nuotano verso l’alto nella pianta o nel mop, uno vicino all’altro. Quando si avvicinano alla cima della pianta, nuotano l’uno verso l’altro e rilasciano uova e latte insieme.

La parte più difficile dell’allevamento di questo pesce straordinario è l’attesa della schiusa delle uova, che richiede almeno 14 giorni. A causa di questo ritardo, c’è una reale possibilità di perdere le uova a causa di funghi, se vengono lasciate nella vasca di riproduzione. Rimuova le uova in una vasca d’acqua sterile con trattamento anti-funghi per ottenere i migliori risultati.

Gli avannotti (pesciolini) di questa specie sono insoliti tra le piccole ovaiole, perché al momento della schiusa nuotano liberamente e sono autosufficienti. Sono subito abbastanza grandi da mangiare gamberetti vivi in salamoia e cibo secco in polvere.

Utilizzi un filtro a spugna nella vasca di allevamento degli avannotti dopo tre settimane, cambi il 20 per cento dell’acqua ogni settimana e somministri piccole quantità di alimenti variabili sei volte al giorno. Con un po’ di fortuna e una buona attenzione ai dettagli, a tre mesi saranno lunghi più di un centimetro.

Altre specie di pesci domestici e ulteriori ricerche

Se è interessato a pesci che potrebbero essere buoni compagni di vasca per il suo pesce arcobaleno dalla coda a forchetta, consulti:

  • Profilo della specie Rasbora arlecchino
  • Profilo della specie Tetra vedova nera
  • Profilo della specie Zebra danio

Per maggiori informazioni su altri pesci d’acqua dolce, consulti gli altri profili di specie di pesci.

- Advertisement -