Le ulcere nei pesci d’acqua dolce sono un problema comune, ma di solito non sono l’unico problema che potresti avere in quel momento. Le ulcere si verificano più comunemente quando le difese di un pesce sono indebolite da un fattore di stress primario, permettendo ai batteri di entrare e distruggere la pelle. Le ulcere gravi possono richiedere cure veterinarie, ma quelle di base possono essere facilmente trattate controllando alcuni elementi chiave.

Cosa sono le “ulcere”?

Le ulcere sono definite come una ferita sulla pelle con conseguente necrosi tissutale. Possono avere molti fattori incitanti che danno inizio alla lesione. Le ulcere gravi possono portare all’esposizione della muscolatura sottostante. Le ulcere sono più comuni sui tessuti muscolari poiché portano più flusso sanguigno.

A causa della natura dei sistemi di pesci, i batteri sono sempre presenti sulla pelle dei pesci. Il più delle volte, il sistema immunitario di un pesce impedirà agli invasori batterici di penetrare negli strati esterni della pelle. Il muco della pelle del pesce è pieno di fattori immunitari, motivo per cui è importante tenerlo sul pesce. I condizionatori d’acqua che promuovono una “migliore protezione della melma” sono inefficaci, ma promuovono la guarigione delle ferite?

Se il sistema immunitario di un pesce non riesce a tenere il passo con l’assalto batterico o se si verifica una tensione batterica particolarmente brutta, è probabile che i suoi pesci sviluppino ulcere. Sebbene possano iniziare in superficie, una volta che un batterio ha violato la parete esterna, il tuo pesce può essere suscettibile a un’infezione sistemica completa o sepsi.

Segni di ulcere nei pesci d’acqua dolce

  • Scale elevate
  • Aumento delle vene (eritema)
  • Perdita di scala
  • Macchie rosse (dimensioni variabili)
  • Erosione cutanea
  • Esposizione dei muscoli sottostanti
  • Perdita della struttura delle pinne
  • letargo
  • Diminuzione dell’appetito
  • Morte
Leggi di più  Pesci d'acqua dolce dell'acquario aggressivo

The Spruce / Jessie Sanders

Cause di ulcere nei pesci d’acqua dolce

Le infezioni primarie nei pesci di batteri ulceranti sono rare. Spesso, una specie batterica comune trarrà vantaggio da una caduta delle difese immunitarie dei pesci. Una reazione acuta allo stress è benefica per i pesci ed è associata alla risposta “lotta o fuga”. Se un fattore di stress non può essere sfuggito o mitigato, questo si traduce in un fattore di stress cronico. Lo stress cronico provoca una ridotta funzione immunitaria, una ridotta fecondità e una riduzione delle condizioni del corpo. Questi sono alcuni dei più comuni fattori di stress per i pesci d’acquario d’acqua dolce, ma non tutti:

Scarsa qualità dell’acqua

L’acqua in cui nuota un pesce è direttamente correlata alla sua salute generale. Non mantenere il sistema e ignorare la qualità dell’acqua provocherà molte malattie secondarie, comprese le ulcere.

parassiti

I parassiti dei pesci d’acqua dolce possono stressare i pesci e creare ingressi per i batteri quando lampeggiano. Il lampeggiamento è un comportamento in cui i pesci usano il loro substrato e qualsiasi decorazione per graffiarsi. Questo comportamento può apparire come una “danza spigolosa” o “nuoto non coordinato”. I parassiti entrano spesso in un sistema quando vengono aggiunti nuovi pesci senza quarantena.

Tieni presente che la temperatura del tuo sistema determinerà la velocità con cui i parassiti completano il loro ciclo di vita. Questo è fondamentale per gli stagni all’aperto con temperature stagionali variabili.

Cattiva alimentazione

Al fine di dare ai tuoi pesci la migliore alimentazione, non limitarti a raggiungere ciò che è più costoso. Fai le tue ricerche in modo da sapere quale dieta è la migliore per i tuoi pesci. Una nutrizione inadeguata o inadeguata riduce la funzione immunitaria dei pesci.

Leggi di più  Saprolegnia in pesci d'acqua dolce

Non conservare alcun alimento per più di 6 mesi; dopo questo punto, ha iniziato a perdere troppo del suo contenuto vitaminico. Conserva il tuo cibo all’interno in un contenitore sigillato e resistente alla luce in una dispensa o armadio.

Aggressione

Il pesce può diventare aggressivo nei confronti del cibo, del territorio e delle opportunità riproduttive. Il comportamento aggressivo può includere ricarica, stroncatura, speronamento e inseguimento. Lo stress di anticipando un attacco può essere sufficiente per stressare specie più docili. Le ferite aperte da attacchi oltre allo stress possono creare un ambiente di ulcera ideale.

Trattamento delle ulcere nei pesci d’acqua dolce

Una volta identificato e rimosso un fattore di stress primario, molto probabilmente i tuoi pesci guariranno senza ulteriori interventi.

Le ulcere gravi richiedono un trattamento veterinario, spesso con terapia antibiotica. Il veterinario può raccomandare un test di coltura e sensibilità per identificare i batteri primari problematici e un elenco di antibiotici a cui è più suscettibile.

Non tentare di trattare le ulcere dei tuoi pesci con antibiotici da banco. Questi prodotti illegali non sono controllati per la potenza e l’efficacia. I trattamenti a base di acqua elimineranno anche il tuo filtro biologico e causeranno ulteriore stress.

Come prevenire le ulcere nei pesci d’acqua dolce

Al fine di prevenire le ulcere nei pesci, è fondamentale mitigare lo stress nel sistema. È eccezionalmente raro che un batterio mortale entri nel tuo sistema se lo sei…

  • Mantenere la qualità dell’acqua,
  • eseguendo la normale manutenzione,
  • alimentare una dieta appropriata e fresca,
  • utilizzando protocolli di biosicurezza adeguati,
  • e completando la quarantena corretta.

Fonti dell’articolo Point Pet utilizza solo fonti di alta qualità, compresi studi peer-reviewed, per supportare i fatti all’interno dei nostri articoli. Leggi il nostro processo editoriale per saperne di più su come controlliamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e affidabili.

  1. Shivappa, Raghunath B. et al. Valutazione di laboratorio di diverse formulazioni di Stress Coat® per la produzione di melma in pesci rossi (Carassius Auratus) e Koi (Cyprinus Carpio). Peerj, vol 5, 2017, p. e3759, doi: 10.7717 / peerj.3759

Leggi di più  Compatibilità con pesci d'acquario d'acqua dolce