Una casa di pesce felice è una casa di pesce sano. Al fine di mantenere un ambiente di pesce sano, ogni proprietario di pesce dovrà bagnarsi. Gli acquari “autosufficienti” possono sembrare idilliaci, ma, purtroppo, a causa della loro natura artificiale, qualsiasi acquario richiederà almeno alcuni Manutenzione. Ma ci sono modi in cui puoi ridurre al minimo il tempo e lo sforzo richiesti dal tuo acquario.

Configurazione del serbatoio

Inizia progettando la configurazione del tuo serbatoio ideale. Vuoi che appaia in un certo modo? Ti trovi in ​​un certo posto? Caratterizza un certo tipo di pesce? Sceglierne uno priorità e attenersi ad esso. Se stai osservando determinati decori, dimensioni o spazi, avrai bisogno di questo per limitare la tua selezione di pesci. Se hai in mente una particolare gamma di occupanti, assicurati di fare le tue ricerche per vedere di quanto spazio hanno bisogno, se vanno d’accordo sia tra le intraspecie sia tra di loro e quale ambiente è più adatto a loro.

Potresti andare più grande?

Una volta scelto il serbatoio, l’arredamento e gli abitanti, pensi di poter aumentare il volume? Tieni presente che più acqua equivale a più peso su qualsiasi superficie tu abbia scelto. Tuttavia, più acqua consentirà una maggiore flessibilità nella manutenzione. Un volume maggiore e meno pesci manterranno basso il tuo biocarico e ti permetteranno di allungare un po ‘più a lungo tra i cambi d’acqua.

La filtrazione è la chiave

La maggior parte dei filtri per serbatoi sono commercializzati per serbatoi di determinate dimensioni. Scegli quello in cui il tuo carro armato rientra nel raggio d’azione. Ma scegliendo un filtro che supera la capacità del serbatoio, si consente di filtrare ancora più acqua, offrendoti una maggiore flessibilità nella routine di manutenzione. Un filtro troppo grande spingerà i tuoi pesci in giro! Prova un filtro che è una volta e mezza le dimensioni del tuo serbatoio.

Leggi di più  I migliori compagni di vasca per pesci rossi

Se hai già un filtro funzionante, hai spazio per aggiungerne un altro? Non rimuovere mai un filtro e sostituirlo con uno completamente nuovo, indipendentemente dalla confezione! Ci vorranno dalle quattro alle sei settimane prima che il filtro sia attivo e funzionante.

Mancia

Più grande è il tuo acquario, maggiore è la filtrazione che hai e meno pesci e più facile sarà la manutenzione.

La tua routine di manutenzione minima

Risciacqua i tuoi filtri

La frequenza con cui risciacqui i filtri dipenderà da quanti pesci hai, da quanto vengono alimentati e da quanta filtrazione ha il tuo acquario. Non aspettare fino a quando il flusso non rallenta per ripulire il filtro. Ciò non farà che aumentare il lavoro della pompa, sovraccaricarli e far sì che debbano essere sostituiti prima. Ricorda, non vuoi mai che i tuoi media filtranti siano belli e perfettamente puliti. Buoni batteri che supportano il tuo ciclo dell’azoto vivono nei tuoi media filtranti e li esplodono con acqua clorata uccideranno le colonie che hai lavorato così duramente per crescere.

Sciacquare il materiale filtrante nell’acqua di scarico dell’acquario o delicatamente in acqua di rubinetto trattata della stessa temperatura. Un filtro sano non lo farà essere perfettamente pulito o inodore. Risciacquare fino a quando l’acqua scorre facilmente.

Controlla la qualità dell’acqua

Una volta stabilito il sistema – nessun nuovo pesce, cibo o attrezzatura negli ultimi tre mesi – i parametri dell’acqua dovrebbero seguire un ciclo prevedibile. I parametri di chimica dell’acqua ti diranno tutto sulla salute del tuo acquario. Acquista un kit di prova affidabile a base liquida ed esercitati con esso alcune volte per essere sicuro di essere in grado di testare correttamente. La maggior parte della manutenzione sarà determinata dai livelli di nitrati. Il nitrato è la fine del tuo ciclo dell’azoto ed è tossico per i pesci quando si accumula. Le singole specie avranno tolleranze diverse rispetto ai livelli di nitrati, quindi sappi in anticipo quali livelli possono gestire i tuoi pesci.

Leggi di più  I migliori compagni di vasca per pesci rossi

Sciacquare il materiale filtrante nell’acqua di scarico dell’acquario o delicatamente in acqua di rubinetto trattata della stessa temperatura. Un filtro sano non lo farà essere perfettamente pulito o inodore. Risciacquare fino a quando l’acqua scorre facilmente.

Cambiamenti d’acqua

Dal momento che il tuo nitrato non ha nessun posto dove andare, a meno che tu non abbia alcune piante vive per aiutarti, dovrai prendere un po ‘d’acqua vecchia e reinserirla. Tieni presente che avrai bisogno di molte piante per fare un impatto significativo nelle letture dei nitrati. Dovrai anche tagliare regolarmente le piante di foglie morte, altrimenti i tuoi nitrati riciclati si trasformeranno in ammoniaca.

Mancia

Usa il tuo sifone di ghiaia per penetrare nelle fessure del substrato per rimuovere i rifiuti in eccesso e altri detriti. Le tue acque reflue catturate possono essere utilizzate per sciacquare i media filtranti ed è un’ottima pianta da appartamento / cibo da giardino vegetariano.

Sfortunatamente, è difficile evitare qualsiasi tipo di manutenzione in un acquario. I sistemi “autosufficienti” esistono solo in natura dove hanno numerosi livelli trofici e influenze ambientali. Per gli ambienti di acquari artificiali, dovrai bagnarti un po ‘per prenderti cura dei tuoi animali acquatici. Effettuando alcuni passaggi aggiuntivi all’inizio, puoi risparmiare un sacco di stress e tempo perso, creando un sistema su cui devi a malapena lavorare e puoi trascorrere più tempo divertendoti.

Lista della spesa

Prima di allestire l’acquario, determina quale è più importante: la dimensione del tuo acquario o le specie che desideri. Una volta deciso, tieni a portata di mano una lista della spesa di base per assicurarti di avere gli elementi essenziali necessari.